Enit: l’Italia si promuove in Olanda tra leisure e outdoor

Lo stand Italia di Enit è al Vakantiebeurs – Utrecht fino al 15 gennaio, l’appuntamento internazionale che promuove il turismo leisure, active e outdoor. L’Agenzia Nazionale del turismo porta in fiera oltre 50 operatori nonché partner come Ita, il Comune di Napoli e cinque regioni: Umbria, Piemonte, Liguria e Trentino per promuovere la Penisola nel Paesi Bassi.

“Il turismo leisure, essendo incentrato sul benessere personale, può aumentare la soddisfazione e l’apprezzamento dei visitatori, rendendo le loro vacanze indimenticabili – afferma Ivana Jelinic, presidente e ceo Enit -. Ciò può portare a un aumento del numero di turisti che tornano in una determinata destinazione, contribuendo così alla sua popolarità e prosperità a lungo termine”.

La promozione dell’outdoor

A detta del presidente di Enit “promuovere il turismo outdoor può aiutare a preservare l’ambiente naturale, in quanto può sensibilizzare i visitatori sull’importanza della conservazione della natura e incoraggiare comportamenti rispettosi dell’ambiente”, ma può portare anche “benefici economici alle comunità locali, in quanto può generare reddito e creare occupazione. Sviluppare e promuovere il turismo leisure e outdoor è fondamentale per il benessere dei visitatori, la conservazione dell’ambiente, la valorizzazione del patrimonio culturale e la crescita economica delle comunità locali. I governi, le organizzazioni turistiche, gli operatori del settore e le comunità locali dovrebbero quindi lavorare insieme per sostenere e promuovere questo tipo di turismo, al fine di garantire un futuro sostenibile per il nostro pianeta e per le generazioni future”.

I turisti olandesi in Italia

Per gli olandesi il turismo è la motivazione principale che spinge a venire in Italia (90,6%), secondo Ufficio Studi Enit su dati Enit/Euromedia Research – 1.013 interviste. Il desiderio principale è quello di fare una vacanza culturale (33,0%), al lago (17,2%), al mare (15,2%) e in montagna (11,2%), verso destinazioni quali Roma, Toscana, Milano, Firenze, Venezia, Lago di Garda, Sicilia.

Il 55,3% degli olandesi è già stato in Italia 3 volte e oltre (39,6% più di 3 volte; 15,7% 3 volte), il 21,6% 2 volte, il 22,6% una sola volta. Tra le motivazioni che hanno spinto a visitare il Belpaese spiccano il paesaggio e la natura (53,6%), la presenza di palazzi, monumenti e musei (48,2%), le tipicità enogastronomiche (37,8%).

I dati del 2023

Nel 2023 i passeggeri aerei provenienti dai Paesi Bassi in Italia risultano 155.400, in crescita del 20% circa sul 2022, con una finestra di prenotazione di 40 giorni. La concentrazione maggiore degli arrivi si verifica a giugno ed ottobre quando sfiora l’11%.

La durata media del soggiorno è di 4 notti che nel 13% dei casi si prolunga fino ad una settimana. Le rotte principali coinvolgono gli aeroporti di Amsterdam Roma Fiumicino (31,7%), Milano Linate (24,5%) e Venezia (7,5%).

A dicembre gli arrivi sono stati 8.800 (il 5,7% del totale) e crescono del 14,3% rispetto al 2022, con un’affluenza del 23,2% nella settimana che precede il Natale (Fonte: Ufficio Studi Enit su dati Data Appeal relativi ai Gds).

Nel 2022 il numero di viaggi in uscita dai Paesi Bassi è di oltre 23 milioni, quasi il doppio rispetto al 2021 (+99,6%) e circa il 3,0% in più sul 2019. Nel 93% dei casi si tratta di viaggi all’estero effettuati per motivi personali (contro il 7,0% per lavoro), di cui l’84,7% per vacanza (Fonte: Ufficio Studi Enit su dati Eurostat).

I dati del 2022

Negli esercizi ricettivi italiani i pernottamenti degli olandesi, pari a 10.806.700, aumentano del 42,5% nel 2022 sul 2021 e del 4,7% rispetto al 2019. Nelle strutture ricettive extra-alberghiere si rileva circa il 70% delle presenze (Fonte: Ufficio Studi Enit su dati Istat).

Nel 2022 un significativo aumento annuale ha interessato anche la spesa turistica sostenuta dagli olandesi per i viaggi all’estero: circa 18,7 miliardi di dollari Usa, il 77,1% in più sul 2021 (-8,5% sul 2019) (Fonte: Ufficio Studi Enit su dati Unwto).

Nel complesso, gli olandesi che viaggiano in Italia nel 2022 spendono circa 2,2 miliardi di euro (+76,5% sul 2021), di cui il 76,6% per vacanza (+87,5% sul 2021) e l’8,2% per la visita di parenti e famiglia. Anche in questo ambito, le località balneari, quelle lacuali, le città d’arte e la montagna sono tra le mete italiane più gettonate (Fonte: Ufficio Studi Enit su dati Banca d’Italia).

Tags:

Potrebbe interessarti