Igv: “Manteniamo la nostra anima”

“Dobbiamo rimanere noi stessi, mantenere la nostra anima. Il nostro non è soltanto un format commerciale”.  E’ convinta di questo Corinne Clementi, amministratore delegato de I Grandi Viaggi, che conferma il core business dei villaggi in Italia e all’estero – dove mantiene un’offerta trasversale adatta ai vari target d’età mostrando dinamismo in ogni fascia – e la tradizione del tour operating.

La piattaforma del t.o.

“E’ stata una scommessa aziendale – precisa la manager -. Il tour operating c’è sempre stato, anche 25 anni fa, poi gli scorsi anni abbiamo rimesso in piedi tutto il mondo puntando sulla piattaforma tecnologica di eMinds”. C’è stata poi un’altra “sterzata – dichiara Clementi -. Fare i generalisti non pagava più dopo il Covid, soprattutto per le agenzie di viaggi. Il mercato in qualche modo era tornato indietro e le agenzie chiedevano prodotti brandizzati. Siamo quindi ripartiti dopo la frenata pandemica con il brandizzare prodotti di terzi dando garanzia di servizio, con la presenza di un resident manager, ad esempio”. In Oceano Indiano sono state individuate tre strutture, sono stati previsti stopover di 3-4 giorni. “Sono stati recuperati i rapporti con The Sense a Mauritius – cita ad esempio – con un upgrading 5 stelle. Anche a Sharm e a Marsa Alam abbiamo individuato prodotti nostri”.

La fiducia nel trade

L’azienda mantiene una forte presenza sul territorio con la sua rete di promotori, che “sono sempre gli stessi e in ascolto delle esigenze di tutti, alle quali cerchiamo di rispondere in modo propositivo ed elastico”.  In Thailandia e alle Maldive, poi, l’operatore ha proposto pacchetti d’offerta abbordabili con promozioni ultimo minuto per andare incontro ad “altri portafogli”. “Lavoriamo su più livelli – prosegue Clementi – con un tailor made puro ma anche con altre opzioni per coppie più giovani che si rivolgono al fly & drive o fly & train”. L.D.

Tags:

Potrebbe interessarti