La Toscana fa il pieno di eventi grazie a un 2024 di anniversari

Viaggiare in maniera sostenibile è sempre di più una scelta coerente con una diffusa consapevolezza e sensibilità. Per questo la Toscana ha deciso di costruire un progetto di ospitalità attento all’ambiente e alla responsabilità sociale. Di qui, la recente realizzazione della carta dei valori del turismo sostenibile e la mappatura di tutte le imprese che hanno scelto di porre attenzione alla conservazione del pianeta.

Bike tourism

In tema di mobilità dolce la regione ha creato l’Atlante degli itinerari cicloturistici, con i suoi 15.000 km di percorsi ciclabili di cui 5.000 fuori strada. In questo modo sono presentati, grazie a un sistema di ricerca innovativo e molto intuitivo,  innumerevoli itinerari ciclistici che  permettono di conoscere una destinazione più autentica: dalle spiagge ai rilievi, dai borghi e le città d’arte alle campagne. Per la prima volta in 111 anni il più importante dei grandi giri del ciclismo, il Tour de France, partirà quest’anno dall’Italia, e più precisamente da Firenze. La Gran Départ ci sarà il 29 giugno dal Piazzale Michelangelo, il tour sarà una celebrazione della storia, della cultura e della passione per il ciclismo, che da sempre caratterizzano la Toscana. L’evento prevede il 27 giugno la presentazione delle squadre del Tour de France 2024 da Palazzo Vecchio al Piazzale Michelangelo e sabato 29 giugno la tappa 1 Firenze-Rimini. Non solo, la regione è anche l’attuale detentrice dell’Oscar italiano del Cicloturismo, attribuito alla regione per la Ciclopedonale Puccini e la sua capacità di coniugare la tradizione con l’innovazione.

Il centenario di Puccini

Proprio del grande compositore lucchese Giacomo Puccini ricorrono quest’anno i cento anni dalla scomparsa. In suo onore le Celebrazioni Pucciniane prevedono un calendario di appuntamenti. Molti i teatri e le associazioni che presenteranno opere del Maestro. Sarà anche l’occasione per scoprire la sua casa natale di Lucca, l’Istituto Boccherini dove ha studiato giovanissimo, il Teatro del Giglio dove si esibì per la prima volta, la casa dei nonni a Celle e quella di Torre del Lago, dove sono nate alcune delle sue opere più celebri.

Vasari e i Medici

Un altro importante anniversario è quello dei 450 anni dalla morte del Granduca Cosimo I de Medici. In suo onore è prevista una mostra a Palazzo Strozzi Sacrati, sede della presidenza della Regione in Piazza Duomo a Firenze, che sarà inaugurata il prossimo 21 aprile, in ricordo della data che segnò la morte del ‘padre’ della Toscana moderna, avvenuta proprio il 21 aprile 1574. Il 27 maggio poi verrà inaugurato il “nuovo” Corridoio Vasariano, il percorso sopraelevato che, a Firenze, collega Palazzo Vecchio con Palazzo Pitti passando per gli Uffizi e sopra il Ponte Vecchio. Si tratta di un evento di eccezionale portata, sia per la città che per la regione, perché avviene a 450 anni dalla morte dei due grandi artefici di questa magnifica opera: Cosimo I dei Medici che commissionò il Corridoio e Giorgio Vasari, che lo progettò e lo realizzò. Per celebrare Giorgio Vasari è prevista la realizzazione di una mostra internazionale di forte valenza scientifica che verrà ospitata ad Arezzo per valorizzare la figura di questo artista e letterato, protagonista assoluto della cultura umanistica del suo tempo.

Best in Travel

È la regione Toscana l’unica destinazione italiana presente nella pubblicazione internazionale ‘Best in travel 2024’ con cui Lonely Planet annuncia le mete imperdibili di quest’anno. Un risultato di grandissimo prestigio raggiunto grazie anche all’azione strategica di valorizzazione svolta dall’agenzia regionale Toscana Promozione Turistica. La Toscana ha conquistato la categoria “regioni” a livello internazionale come punto di riferimento del turismo culturale grazie alla varietà del suo patrimonio Unesco, materiale e immateriale, e alla ricchezza di quello archeologico, in particolare etrusco.

Tags: , ,

Potrebbe interessarti