Roma, all’Albergatore Day i numeri del 2023: presenze oltre i 49 mln

“Un anno da ricordare, con un record di presenze che ha riportato la città ad essere epicentro del turismo internazionale”. E’ questo il 2023 della Capitale secondo Giuseppe Roscioli, presidente di Federalberghi Roma, che così si è espresso nel corso della XX edizione dell’Albergatore Day.

Secondo le rilevazioni ufficiali finali dell’Ente Bilaterale Turismo del Lazio, nel 2023 gli arrivi complessivi negli esercizi alberghieri e nelle Rta (Residence) di Roma Capitale sono stati 13.767.073 (+5,60% sul 2019, ultimo anno di riferimento prima del lungo periodo pandemico, chiusosi solo nei primi mesi del 2022).

Le presenze complessive sono state 31.494.609 (+2,65% sul 2019). La domanda interna e quella estera hanno avuto andamenti diversi, con la seconda che ha registrato tassi di crescita più elevati. Gli arrivi di italiani sono stati 5.006.930 (+6,70% sul 2019). Le presenze sono state 9.643.462 (+6,46% rispetto al 2019). Gli arrivi di stranieri sono stati 8.760.143 (+4,99% sul 2019). Le presenze sono state 21.851.147 (+1,05% sul 2019).

In termini di macro-segmenti geografici, gli arrivi dall’Europa sono stati 4.157.162 e le presenze 10.966.060. La domanda proveniente dal Nord America ha registrato 2.198.223 arrivi e 5.317.654 presenze. La domanda proveniente dal Centro-Sud America ha registrato 637.588 arrivi e 1.566.517 presenze. La domanda proveniente dal Sud-Est Asiatico ha registrato 1.085.056 arrivi e 2.411.259 presenze.

Aggiungendo ai dati degli esercizi alberghieri quelli degli esercizi ricettivi complementari di Roma Capitale, pari a 7.255.493 arrivi e 17.692.846 presenze, il bilancio complessivo della domanda turistica nell’anno 2023 chiude con 21.022.566 arrivi e 49.187.455 presenze.

Il 2024 sarà secondo Roscioli “un fondamentale, lungo periodo di preparazione per il Giubileo del 2025, appuntamento che metterà la Capitale come mai prima sotto gli occhi del mondo ed in cui Roma, e la stessa Italia, si giocano moltissimo sul piano della reputazione internazionale. Tutte le forze in campo dovranno contribuire al successo dell’Anno Santo, dagli operatori, alle istituzioni, alla politica, perché in termini di immagine possiamo esplodere, ma anche subire un tremendo effetto boomerang se la città non si mostrerà al suo meglio. Anche per questo, abbiamo ritenuto che i tempi fossero maturi per coinvolgere per la prima volta Airbnb nella nostra manifestazione più importante dell’anno, l’Albergatore Day. Un’apertura di dialogo che è stata colta e vuole essere un segno per un cambiamento condiviso che conduca a un mercato fatto di diritti, doveri e regole paritarie ed uguali per tutti i suoi protagonisti”.

Tags: , , ,

Potrebbe interessarti