Adv spagnole ottimiste: anche il 2024 sarà in crescita

C’è ottimismo tra le adv spagnole. Dopo la chiusura del 2023, il comparto è fiducioso sul fatto che la crescita proseguirà anche nel 2024. Acave, durante Fitur, ha presentato il suo ultimo sondaggio, da cui emerge che il 50% dei professionisti è fiducioso di superare fino al 15% il volume delle vendite dello scorso anno, mentre un 10% prevede un aumento intorno al 5-10%.

Non sono però tutti così ottimisti, tra questi il 28% ritiene che riuscirà a eguagliare solo i dati del 2023, che erano già molto positivi. Il restante 12% prevede invece una riduzione del proprio fatturato, che tuttavia calerebbe solo del 5% circa.

Le mete in crescita

Le destinazioni che registreranno la maggiore crescita della domanda saranno i mercati asiatici, soprattutto i viaggi in Cina e Giappone, che hanno impiegato molto più tempo per riprendersi dalla pandemia. Insieme all’Asia, anche Francia, Italia, Stati Uniti, Europa centrale, Egitto, Kenya e Tanzania.

Francia, Stati Uniti e Regno Unito sono citati quali principali emissori di flussi verso la Spagna. Anche la Germania resterà un mercato chiave, insieme all’Italia e a quelli del Benelux. Ci saranno però altre due importanti crescite, Messico o Brasile, Cina o Canada.

La conferma del sentiment positivo da parte del canale agenziale arriva dal presidente di Acave, Jordi Martí: “Dopo un anno record come il 2023, il settore delle agenzie di viaggi affronta il 2024 prevedendo che questa tendenza continuerà. La prospettiva di tassi di interesse più bassi e la sicurezza dei mercati europei continua a generare nei viaggiatori la fiducia necessaria per continuare a pianificare le vacanze”.

Le due sfide del 2024

Tuttavia, l’intermediazione dovrà affrontare due grandi sfide nel 2024. La prima è la mancanza di personale, la questione è emersa durante la pandemia, ma resta ancora oggi un tema attuale.

La seconda riguarda la necessità di confrontarsi con il tema della digitalizzazione, soprattutto in relazione all’intelligenza artificiale, con l’obiettivo di incentivarne lo sviluppo.

Tags: , ,

Potrebbe interessarti