Il business travel guarda al 2030 tra tecnologia e sostenibilità

Spunti interessanti quelli derivanti dalla presentazione della ricerca “Business Travel 2030. Sfide, opportunità e la trasformazione della gestione dei viaggi d’affari”, la ricerca di proiezione che il Gruppo Gattinoni ha commissionato in esclusiva a Travel for business.

Trasformazione in atto

La proiezione ha dato evidenza di una trasformazione evidente che sta avvenendo nel travel management aziendale. La ricerca ha indagato diverse aree della sicurezza, della tecnologia, della sostenibilità, del benessere, della mobilità e i diversi aspetti nei confronti del ruolo del travel manager nel mondo delle agenzie di viaggio e dei viaggiatori.

Blockchain sopra tutto

“Significative, innanzitutto – ha spiegato Rosemarie Caglia, founder di Travel for business – le risposte relative all’interesse verso la blockchain (82% dei rispondenti), primo elemento di attenzione espresso nel travel manager e individuato come elemento di maggiore attesa entro il 2030. Questo perché la blockchain rappresenterà una garanzia della tracciabilità di tutto quello che è il flusso dei viaggi e dei concetti di sicurezza più estesi, ad esempio quelli riguardanti le transazioni. Al secondo (77%) emerge l’elemento degli ecosistemi, soprattutto quelli interconnessi, elemento che probabilmente tocca molto anche le corde della mobilità. Il futuro, invece, sarà fondamentalmente plasmato dall’intelligenza artificiale (66%), che permetterà di avere analisi più approfondite, accurate e andare a lavorare su una migliore ottimizzazione dei costi. Molto sentito il tema delle tecnologie biometriche indossabili, pensiamo all’European Digital Identity Wallet, una grande trasformazione nell’identità digitale e nell’utilizzo dei servizi”.

Ripresa costante

“L’analisi dell’andamento dei business travel – ha aggiunto Elena Carlino, direttrice commerciale Gattinoni Business Travel – rivela una ripresa graduale ma costante del comparto, trainata dall’adozione diffusa di soluzioni ibride e digitali. Questo equilibrio, tra necessità di viaggio e nuove modalità operative, promuove una trasformazione duratura nel settore, con un’attenzione crescente verso la declinazione della flessibilità lavorativa, nelle sue innovative formule. In questo scenario il ruolo delle agenzie come la nostra sarà sempre più quello di consulenza e supporto per offrire soluzioni tailor made e in grado di rispondere a tutte le esigenze del cliente. La personalizzazione si sviluppa in più ambiti, dalla classica consulenza di gestione della trasferta allo sviluppo e all’implementazione di soluzioni tecnologiche “su misura”, perché ogni azienda è diversa dalle altre, anche grazie alle evoluzioni del settore che vanno sempre più verso lo studio dell’applicazione dell’Intelligenza Artificiale alle trasferte. Un altro ambito in cui stiamo investendo molto è la sostenibilità”.

Tags: ,

Potrebbe interessarti