Dove il mare bacia il deserto

Lo sapevate che un viaggio in Oman può essere la scelta ideale per godersi un po’ di mare? Da ottobre ad aprile nel Paese la media delle temperature si aggira intorno ai 30 gradi e a poco più di sei ore di volo dall’Italia questa è la meta perfetta per chi cerca acque cristalline durante l’inverno. In Oman le soluzioni di viaggio da poter scegliere sono davvero molte, dalle coste sabbiose alle rocce che scendono a picco nel mar Arabico, fino alle spiagge tropicali del sud.

Muscat e i dintorni

La capitale Muscat è ubicata in un tratto di costa sabbiosa bagnato da un mare calmo, adatto alla balneazione tutto l’anno. Acque azzurre e un ampio arenile, ideale per una corsa o una passeggiata, è ciò che troverete nella spiaggia di Qurum, una delle principali località marittime di Mascate. Questo posto all’alba e al tramonto regala un suggestivo panorama con il sole che si infrange sulle acque cristalline! Altrettanto bella e poco lontana dal centro è la spiaggia di Qantab, con la sua laguna limpida e la sabbia punteggiata da rocce multicolori. Per i più avventurieri, dalla marina di Sidab, lungo il tratto di litorale a est della vecchia Mascate, nella zona di Al Mouj, la mattina presto partono dei tour dedicati all’avvistamento dei delfini e per le isole Daymaniyat. A pochi passi dalla spiaggia e non lontano dal centro città si trova The Chedi Muscat, resort di lusso a 5 stelle affacciato direttamente sul mare, con 162 camere e ville dall’atmosfera omanita, oltre ad una rinomata spa e ad una delle piscine più grandi del paese. Nella Muscat Bay si trova anche il nuovissimo Jumeirah Muscat Bay che regala viste mozzafiato sull’oceano con alcune camere che hanno accesso diretto alla spiaggia.

Tra i fiordi del Musandam

Per coloro che cercano serenità e relax, le spiagge nei pressi di Khasab in Musandam sono perfette per fare il bagno e passeggiare sulla sabbia dorata. Il Musandam, enclave settentrionale del Paese, è conosciuta per le falesie che si gettano a picco nelle acque turchesi dello stretto di Hormuz ed offre un gran numero di piccole cale nascoste tra i fiordi, dove ancora oggi lavorano i pescatori. E pensate… una delle attività più popolari in spiaggia è la cena in riva al mare, seguita da un’esperienza di campeggio notturno sotto le stelle. Gli strapiombi e le baie del Musandam sono ideali anche per il diving, ma per godere appieno della bellezza del luogo l’ideale è ammirarlo dal mare a bordo dei dhow, le tipiche imbarcazioni di legno omanite, prenotando una crociera di alcuni giorni. Per vivere il Musandam un altro suggerimento è soggiornare nell’iconico Six Senses Zighy Bay, resort esclusivo famoso per la sua Spa, composto di sole ville sulla spiaggia, ognuna con piscina privata. Il resort è costruito come un autentico villaggio di pescatori, ospita 82 ville realizzate nel tradizionale stile delle case arabe, con grandi spazi, piscina privata, ampie sale da bagno, terrazze e solarium.

Gli sport acquatici sull’isola di Masirah

L’isola di Masirah è la più grande dell’Oman e si trova nella zona centrale del Paese al largo della costa est, dista circa tre ore da Muscat. Questa oasi di pace è raggiungibile con un piccolo traghetto da Shannah ed è particolarmente amata dagli appassionati di natura, birdwatching, kitesurf e in generale sport che necessitano di vento. L’isola è brulla e selvaggia e la maggior parte degli abitanti risiede nel villaggio principale di Ras Hilf, punto di attracco dei traghetti. Per chi desidera soggiornare qui, il Masirah Island Resortr è l’unico quattro stelle dell’isola ed ospita al suo interno il Museo della Fauna dove è possibile ammirare esemplari autoctoni, tartarughe marine e oltre 328 specie di uccelli oltre ad una vasta collezione di conchiglie esotiche. Proprio il museo organizza anche varie attività sportive e marittime.

In compagnia delle tartarughe a Sur

Altra ottima base per vivere il mare dell’Oman è il grazioso villaggio di Sur, a circa 300 km dalla capitale, centro tradizionale di costruzione dei dhow. Nelle vicinanze di Sur da non perdere la visita di Ras al Hadd, il punto in cui le acque del golfo dell’Oman si uniscono a quelle del mare arabico. La spiaggia è famosa in tutto il mondo, insieme alla vicina Ras al Jinz, per le tartarughe che tra settembre e novembre vengono a deporvi le uova. A circa 15 minuti di auto da Sur si trova la piccola baia di Shiyah. Situata proprio nel mezzo di Sur e Ras al Hadd, le acque qui sono cristalline, e a pochi passi dalla spiaggia si trova il centro scientifico Ras al Jinz Sea Turtle Reserve, dove è possibile conoscere il ciclo di vita delle tartarughe di mare. Per soggiornarvi, ideale è il Sama Ras Al Jinz Eco Lodge nella zona di Ash-Sharqiyyah, una struttura intima con un cinema privato outdoor, che organizza tour alla scoperta delle tartarughe.

Salalah, i tropici dell’Oman

All’estremità meridionale del Paese, nella regione del Dhofar, si trova Salalah, affacciata sull’Oceano Indiano. La più nota località balneare dall’atmosfera tropicale è Salalah Beach con splendide baie sabbiose racchiuse tra acque cristalline e palmeti verdeggianti di piante da cocco. Il paesaggio del Dhofar è caratterizzato dai khawr, lagune popolate da una grande varietà di uccelli e da numerose sorgenti di acqua dolce, ma è un’area con un gran mix di cultura e paesaggi naturali. Per coloro che desiderano rilassarsi in un’oasi di tranquillità dopo una giornata in spiaggia, il nuovo Alila Hinu Bay è ideale per godere di un lusso discreto e paesaggi incontaminati.

Alessandra Tesan

Tags: ,

Potrebbe interessarti