Nel 2023 i viaggi outbound crescono a doppia cifra. Spagna la più visitata

Crescita a doppia cifra per i viaggi outbound nel 2023. Un altro grande passo avanti verso il ritorno ai livelli del 2019. E’ quanto emerge dal World Travel Monitor® di Ipk, per Itb Berlin. Numeri alla mano, rispetto al 2022, si è trattato di un aumento del 33% e di un -12% rispetto al 2019.

Il motore della crescita

Secondo il report il motore della crescita nel 2023 è stato il ritorno dei viaggi outbound in Asia, con un aumento di oltre il 140% su base annua. Anche se ancora al di sotto dei livelli del 2019 del 37%, ciò ha segnato una significativa tendenza al rialzo.

Rispetto al 2022, i viaggi in uscita in Europa sono aumentati del 18%, in Nord America del 31% e in America Latina del 27%. Nel 2023, il volume dei viaggi in uscita è stato maggiore negli Stati Uniti, seguiti da Germania e Regno Unito. Insieme, i tre principali mercati di origine hanno costituito un terzo del volume globale dei viaggi in uscita lo scorso anno.

La Spagna la più visitata e Dubai la più quotata

Con quasi il 10%, la Spagna è la destinazione più visitata a livello mondiale, seguita dagli Stati Uniti. Il Destination Performance Index (Dpi) di Ipk ha rilevato che Dubai è la destinazione con la valutazione più alta nel 2023. Nel compilare il Dpi, il World Travel Monitor® ha preso in considerazione tutti i viaggi outbound globali dal punto di vista della soddisfazione del viaggio, delle mete consigliabili e del desiderio di tornare. Tra le cinque destinazioni con il punteggio più alto dietro Dubai figurano Maldive, Sudafrica e Abu Dhabi. Austria e Svizzera sono state le destinazioni più votate in Europa.

Sole e spiaggia sono in cima alla lista

Rispetto al 2022, le vacanze come motivo del viaggio hanno ulteriormente migliorato la propria quota di mercato. Nel 2023, tre quarti dei viaggi outbound globali erano per vacanze. All’interno di questo segmento dominano le vacanze al sole e al mare e i soggiorni in città, ciascuno dei quali occupa circa un terzo del mercato. Al terzo posto si sono classificati i viaggi di andata e ritorno. Nel 2023 i fattori principali per una vacanza all’estero sono stati il ​​relax, le visite turistiche, la buona cucina e lo shopping.

Il viaggio aereo principale forma di trasporto

Quanto al mezzo di trasporto, lo scorso anno oltre il 60% dei viaggi in uscita è avvenuto in aereo. A causa dell’aumento dei costi di viaggio, soprattutto in aereo, nel 2023 le spese sono aumentate al di sopra della media, mentre il numero medio di pernottamenti è rimasto stabile attorno a nove.

Alla domanda sugli aspetti migliori e peggiori di un viaggio, i viaggiatori hanno risposto per lo più “rapporto qualità-prezzo”. Altri fattori importanti sono l’alloggio, la ristorazione e l’ambiente naturale locale.

Piena ripresa entro il 2024

Alcune destinazioni e mercati sono già tornati ai livelli del 2019, mentre altri sono nettamente in ritardo. Nel 2023 alcune destinazioni hanno nuovamente sofferto di overtourism. Un terzo degli intervistati ha affermato di ritenere che la propria destinazione fosse sovraffollata. Tuttavia, gli ultimi risultati del World Travel Monitor® – che prevedono le tendenze globali dei viaggi in uscita nei prossimi 12 mesi –  sono positivi e gettano le basi per una piena ripresa in quasi tutti i mercati e segmenti entro la fine del 2024.

Tags:

Potrebbe interessarti