Certificare le competenze, a Btm i dati sulla piattaforma C+ di FondItalia

Oltre 500 imprese del turismo formate nel 2023, più del 15% del totale. È con questi numeri che FondItalia (Fondo Formazione Italia) partecipa alla Btm di Bari in programma fino al 29 febbraio alla Fiera del Levante, nell’ambito del quale ha promosso il convegno “C+ lo strumento FondItalia per la profilazione, la valutazione e la messa in trasparenza delle competenze”, che si è svolto oggi nello spazio Btm for JOB nel nuovo padiglione della Fiera di Bari.

La formazione dei lavoratori

FondItalia, partner Btm, forte dei dati di un settore che, nel corso del 2023, si è rivelato virtuoso, sottolinea come la formazione dei lavoratori sia alla base della sostenibilità di un comparto, quello del turismo, trainante per il sistema economico del Paese. “Si tratta di un settore molto condizionato dalla stagionalità, che obbliga le imprese a dotarsi di un’organizzazione flessibile, anche per quanto riguarda l’impiego di collaboratori, e che comporta delle criticità sia per le imprese sia per i lavoratori, a partire dall’incontro domanda/offerta”, osserva Egidio Sangue, direttore di FondItalia.

Lo strumento C+

Durante il convegno è stato presentato lo strumento ideato da FondItalia denominato C+, che garantisce a tutti i lavoratori del comparto turistico e alle imprese alla ricerca di professionalità specifiche, un aiuto concreto, favorendo l’occupabilità del lavoratore e la possibilità, per i datori di lavoro, di dotarsi delle competenze più idonee per una solida presenza sul mercato.

“Già con l’istituzione del Fondo Nuove Competenze, nel 2020, in Italia aveva mosso i primi passi una strategia di valorizzazione degli apprendimenti formali, informali e non formali a sostegno dell’occupabilità delle persone – precisa Sangue -. FondItalia ha inteso rafforzare questo percorso, stabilendo, nell’ambito degli avvisi pubblicati, una premialità anche finanziaria per tutti quegli enti di  formazione che prevedranno una attestazione delle competenze maturate dai lavoratori a seguito della formazione finanziata dal Fondo mediante C+, lo strumento FondItalia per la profilazione, la valutazione e la messa in trasparenza delle competenze”.

Oltre il 15% delle imprese coinvolte in attività di formazione finanziate dal Fondo proviene dal comparto turistico, che comprende agenzie di viaggi, servizi di alloggio, ristorazione, noleggio, accoglienza ed intrattenimento, fino alla personalizzazione dei servizi, che va dalla cura del corpo alla scoperta dei territori e delle tradizioni enogastronomiche.

Le più dinamiche nella formazione dei propri dipendenti sono state quelle legate “all’attività dei servizi di alloggio e ristorazione” (175), seguite dalle imprese legate al “noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese” (134).

In linea con Btm 2024

L’impegno di FondItalia nel settore turistico si allinea al tema portante della Btm 2024 incentrata sull’invito, per le aziende del settore, a riscrivere insieme nuove regole per un turismo che tenga conto delle radicali trasformazioni sociali, ambientali e tecnologiche che, come conclude il direttore di FondItalia, “non possono e non devono prescindere da una professionalità sempre più al passo dei cambiamenti e che solamente una formazione precisa e costante degli operatori del settore può garantire”. 

Tags: ,

Potrebbe interessarti