Sun Princess è salpata, al via la stagione crocieristica

Sun Princess, la nuova unità di Princess Cruises da 177.882 tonnellate e 4.300 ospiti, è salpata ieri da Civitavecchia per il suo viaggio inaugurale nel Mediterraneo. E’ la prima delle navi da crociera di nuova generazione di Princess Cruises, le Love Boat dei mari con una flotta di unità ultramoderne e all’avanguardia. Gioco Viaggi è agente per l’Italia delle Love Boat Princess Cruises.

La Love Boat ha ufficialmente dato il via alla stagione crocieristica con la crociera di 10 giorni Grand Mediterranean, in partenza da Civitavecchia alla volta di Napoli, Creta, Kusadasi, Atene, Sicilia, Maiorca e Barcellona.

Una nuova esperienza di viaggio

“Questo è un giorno storico in cui la nostra nuova Sun Princess salpa per il suo viaggio inaugurale e i nostri ospiti potranno sperimentare in prima persona la nostra Love Boat di livello superiore – ha affermato John Padgett, presidente di Princess Cruises -. La nave è una magnifica vetrina di design avanzato, tecnologia e artigianato, il tutto orientato a portare l’esperienza di vacanza Princess a un nuovo livello”.

Le navi Princess sono famose per offrire ampi spazi e Sun Princess porta tutto a un livello superiore, prova ne è The Dome, un’innovativa struttura in vetro nella parte superiore della nave, ispirata alle terrazze di Santorini.

“L’architettura è incredibile e i servizi a bordo sono di livello superiore, in particolare la cupola di vetro nella parte anteriore della nave che è incredibilmente sorprendente – ha affermato Monika Best un’ospite che sta navigando per la 141esima volta a bordo di una nave della compagnia -. Princess si sta evolvendo e guarda sempre più alle famiglie e alle crociere generazionali, il che penso sia meraviglioso perché sempre più famiglie vanno in crociera insieme”.

L’unità presenta diverse sistemazioni e oltre 1.500 cabine con balcone, inoltre Sun Princess è la prima nave Gnl (gas naturale liquefatto) per la compagnia di crociere, che riduce le emissioni di gas serra e presenta ingegnosi sistemi di recupero energetico.

Guarda il video

Tags: ,

Potrebbe interessarti