Le meraviglie del Karnataka in un roadshow a Milano

Lo stato indiano del Karnataka si presenta sul mercato italiano con un roadshow che ha fatto tappa a Milano per incontrare adv, t.o. e stampa italiana. “One state, many worlds” è il claim della destinazione (il video) che vuole promuovere agli stakeholder l’ampia e differenziata offerta, capace quindi di intercettare molteplici target di visitatori. In primo piano, sicuramente, il ricco patrimonio naturalistico dell’area che conta 5 parchi nazionali, 320 km di spiagge, 40 cascate e oltre 6500 esemplari fra tigri ed elefanti che si possono ammirare in particolare lungo il fiume Kabini. Una ricchezza che vede, nel Karnataka, anche la concentrazione di 3 dei 40 siti Unesco dell’India (ovvero la città delle rovine di Hampi, i templi dell’antica capitale Pattadakal e la catena montuosa del Ghati), oltre a 747 monumenti, templi e palazzi tutelati.

Cultura e storia che si mixano con le attività outdoor come surf, vela, snorkeling e con il wellness con Bangalore e Mysore che spiccano come “capitali” della medicina alternativa, della naturopatia e yoga. La capitale Bangalore si afferma anche come la metropoli che sta crescendo più velocemente in termini di offerta, eventi e collegamenti con voli diretti sui principali hub europei come Parigi, Francoforte, Londra oltre ad altri sugli scali principali dell’Asia e degli Emirati Arabi. È possibile combinare l’esplorazione di diverse località della regione con tour in bus, oppure salire a bordo del Golden Chariot, il treno turistico di lusso, che collega le principali località degli stati indiani di Karnataka, Goa, Kerala e Tamil Nadu e Puducherry.

 

Tags:

Potrebbe interessarti