L’Oman host country di Itb

E’ l‘host country di Itb Berlino: si tratta del sultanato dell’Oman.

“Siamo molto soddisfatti dei risultati conseguiti nel 2023: le statistiche da poco rilasciate dal Ministero evidenziano come sia stato raggiunto l’obiettivo dei 70.000 visitatori italiani, inclusi i croceristi, con un incremento del 133% rispetto al 2022 – spiega Massimo Tocchetti, rappresentante per l’Italia dell’Ufficio del Turismo del Sultanato dell’Oman -. Questo risultato conferma l’importanza del mercato italiano per il Sultanato, terzo mercato europeo dopo Germania e Regno Unito. Nel tempo abbiamo sempre più consolidato la nostra presenza sulla rete distributiva, grazie alle sinergie con i professionisti del trade italiano e l’industria turistica omanita. – continua Tocchetti – Il posizionamento del Paese è perfetto per i cosiddetti experience seekers: coloro che vogliono autenticità e accoglienza, sperimentando il Paese fuori dai circuiti turistici tradizionali. In tal senso è sviluppata anche la recente campagna Ooh ‘A Gift for Life‘ a Milano e Roma, i cui visual di grande impatto hanno mostrato la bellezza dei paesaggi, la ricchezza culturale, l’ampia varietà di attività sportive da praticare immersi nella natura rigogliosa dell’Oman”.

Il programma per scoprire l’Oman

Dal 5 al 7 marzo, lo stand dell’Oman si troverà nel Padiglione 2.2, stand 201, e nel Padiglione 4.1, stand 200. I visitatori potranno sperimentare i sapori del Sultanato allo stand 205. Il valore dell’ospitalità tradizionale del Sultanato dell’Oman potrà essere vissuto anche al di fuori dell’area espositiva: oggi, infatti, la Royal Oman Symphony Orchestra invita il pubblico berlinese a un concerto presso la Philharmonie Berlin alle ore 20. Sotto la direzione di Hamdan Al Shuaili, gli ambasciatori musicali del Sultanato si esibiranno nei loro abiti nazionali, regalando un gioco di equilibri tra musica classica e opere tipiche del Paese.

Tags: ,

Potrebbe interessarti