Travellyze, viaggi sostenuti da maggiore capacità economica

Arriva da Travellyze una prospettiva unica su come i consumatori italiani affrontano e pianificano i loro viaggi nel 2024. I dati forniti dalla piattaforma di analisi dei dati e dei comportamenti dei viaggiatori a Interface Tourism Italy è basata sui catalizzatori e facilitatori di viaggio, su una ricerca demografica, sul reddito familiare e il budget di viaggio, sule principali fonti di ispirazioni, sul comportamento e le 5 destinazioni prescelte dagli italiani.

Interesse per l’Italia

“Siamo felici di poter contare sulla collaborazione con Travellyze – dichiara Serena Valle, ceo di Interface Tourism Italyche ci garantisce un’analisi di mercato eccellente e attualizzata, a favore di un lavoro sempre più personalizzato per i nostri clienti. Fa ben sperare il dato relativo alla spesa media degli italiani che lascia intravedere una propensione al viaggio sostenuta da una capacità economica maggiore. Sempre interessante la tendenza, poi, che vede gli italiani sollecitati a parimerito da parenti e amici e dai motori di ricerca, una costante negli anni, anche se in crescita in termini percentuali, addirittura adesso il 53%. La ricerca nel complesso riconferma l’attitudine degli italiani al viaggio nei suoi contenuti, catalizzatori ma anche destinazioni, con un interesse per il Belpaese che stacca notevolmente qualsiasi altra destinazione. Bello poter ricominciare a viaggiare all’estero quindi, ma si ama sempre la dimensione domestica delle vacanze”.

Piccole affascinanti città

Travellyze propone due concetti che svolgono un ruolo fondamentale: catalizzatori e facilitatori di viaggio. I catalizzatori di viaggio sono i fattori che accendono l’interesse del viaggiatore e lo spingono a esplorare nuove destinazioni; mentre i facilitatori sono le condizioni che rendono l’esperienza più fluida e piacevole.

Per gli italiani, il fascino delle città piccole e uniche è in cima alla classifica con una percentuale del 65,48% che esprime una forte inclinazione verso questo tipo di destinazioni. A seguire, le esperienze culturali e storiche giocano un ruolo fondamentale nella scelta, catturando l’interesse del 62,58% degli intervistati. Le ultime tre posizioni sono occupate dalle località di mare (59%), dalle attività outdoor e nella natura (58%) e, alla fine, dalle grandi città (54%).

Attenzione alla pulizia

Tra gli elementi che favoriscono i viaggi, l’attenzione alla pulizia generale si rivela essenziale, visto che uno schiacciante 74,49% la considera un fattore critico. Gli standard di sicurezza e i bassi tassi di criminalità fanno seguito, influenzando il 73,13% degli intervistati nelle loro decisioni di vacanza. Per soddisfare i turisti italiani, le destinazioni dovrebbero dare priorità al mantenimento di elevati standard di pulizia e sicurezza, ma risultano importanti anche le connessioni aeree dirette (59%) e l’accessibilità economica (58%).

(Metà) popolo di viaggiatori

Dall’analisi demografica emerge che la Penisola conta 59.058.615 persone, delle quali il 50,3% rientra nella categoria dei viaggiatori. Nel caso dei viaggiatori italiani, la fascia d’età predominante è quella compresa tra i 55 e i 64 anni, che rappresenta il 26% degli intervistati. Tra i turisti, la formazione professionale costituisce il 38,8% del campione, e oltre il 62% dei turisti italiani dichiara di essere convivente o sposato, il 53% di loro non ha figli.

Travellyze riscontra che, nel corso dell’ultimo anno, sono stati osservati notevoli cambiamenti nel reddito familiare dei viaggiatori italiani. Il dato è in crescita, e in particolare il gruppo “18.000 – 35.999 euro” ha registrato un aumento di 4 punti, mostrando una posizione finanziaria più solida per molti viaggiatori. Per quanto riguarda i budget di viaggio, si nota un calo significativo di 17,2 punti nella categoria “sotto i 1.000 euro”, il che suggerisce che molti viaggiatori hanno superato i redditi più bassi. Inoltre, si è registrata una crescita di 10 punti nel gruppo “da 3.000 a 4.999 euro”, che indica un gruppo di reddito medio in crescita.

Dall’indagine della piattaforma leader nella ricerca dei dati, per i loro viaggi 2024 gli italiani si sono ispirati a: motori di ricerca, come Google e Bing (53% degli intervistati), amici e famigliari (53% degli intervistati), siti di recensioni online, come Tripadvisor (50,67% degli intervistati), Instagram (35,67% degli intervistati), programmi TV di viaggio (35,4% degli intervistati). 

Il comportamento

In fase di prenotazione, il 51,53% degli intervistati esprime una preferenza per la flessibilità delle prenotazioni attraverso i siti di comparazione dei prezzi, sia per i viaggi nazionali che per quelli internazionali in Europa. Quando i viaggiatori italiani intraprendono un viaggio al di fuori dell’Europa, preferiscono pacchetti che comprendano sia il volo che l’alloggio. Per quanto riguarda l’alloggio, la maggior parte (58,87%) sceglie di soggiornare in hotel a 3 o 4 stelle; seguono i B&B, preferiti dal 45,13% degli intervistati e le case vacanza, scelte dal 29,2% dei viaggiatori.

Le “vacanze al sole e al mare” sono la tipologia di soggiorno scelta dai viaggiatori italiani, con il 75,33% delle risposte. A seguire, le “vacanze in grandi città” si aggiudicano il secondo posto con il 53,8%. Il desiderio di tranquillità è al primo posto, con il 50,4% che opta per una vacanza rilassante.

Le top 5 destinazioni

L’Italia, per Travellyze, rimane la scelta prediletta per le vacanze degli italiani, superando le altre destinazioni europee. Anche la Spagna si conferma tra le migliori mete per le vacanze, posizionandosi al secondo posto. Seguono a poca distanza, la Grecia, l’Irlanda e il Portogallo.

Tags: , ,

Potrebbe interessarti