Parte la Ztl a Napoli, ma l’ordinanza “è introvabile”, dice Advunite

Advunite porta l’attenzione sul fatto che “parte la Ztl a Napoli e noi dobbiamo fare i detective perché veniamo rimandati da un ufficio ad un altro senza alcun coordinamento”. L’associazione lamenta “la totale inesistenza dei nostri amministratori locali“.

Nella nota Advunite mette in evidenza i disagi concreti e operativi che tutto ciò comporta. “Dobbiamo andare sui siti a trovare le delibere, come da comunicazione della società Anm a cui è stato delegato il tutto. Come sempre i turisti sono il bancomat delle amministrazioni pubbliche che in cambio non offrono servizi”.

Non si sa quando sarà attivata

“Siamo in balia degli avvenimenti senza alcun tipo di organizzazione, senza sapere, come operatori del turismo, nè se, nè come e nè quando questa Ztl verrà attivata in maniera ufficiale, mentre vengono fatti annunci sull’applicazione. Inaudito! – dice Advunite -. Ci è stato risposto che l’ordinanza è stata pubblicata su comune di Napoli e sul sito Anm, ma senza fornirci link di riferimento. E ad oggi questa ordinanza è introvabile. Come possiamo pensare ad un turismo se non ci si riesce ad organizzare per così poco? Eppure il turismo e l’industria a impatto zero sono l’unica possibilità in Campania”, fa presente l’associazione.

Tags:

Potrebbe interessarti