Primavera: è tempo di garden tourism

La primavera è sinonimo di garden tourism, ovvero viaggiare alla scoperta dei parchi, dei giardini e degli orti botanici più spettacolari, o insoliti, in Italia e all’estero. Per rendere le proprie vacanze di Pasqua e i ponti primaverili più green, CamperDays (piattaforma di noleggio camper) propone un viaggio su quattro ruote alla scoperta del patrimonio verde in Europa e in giro per il mondo.

L’Inghilterra, il Paese dei giardini

The National Heritage List of England registra in questo Paese quasi 1.700 parchi, giardini e altri paesaggi con un particolare interesse storico. Tra i luoghi più significativi da raggiungere in camper nelle Cotswolds, a meno di due ore da Londra, vi è un giardino all’inglese progettato e curato da tre generazioni di donne: il Kiftsgate Court Gardens. Una vera e propria oasi di pace che affascina i visitatori da oltre 100 anni per la straordinaria varietà, rarità ed esuberanza delle meraviglie naturali che si possono incontrare passeggiandovi all’interno. Aperto da aprile a settembre, è un’esplosione di colori e profumi grazie alla pregiata collezione di rose.

Il Giappone in Italia

A Vignola, in provincia di Modena, si possono ammirare filari bianchi contornati da verdi colline regalano scorci indimenticabili, in particolare tra la fine di marzo e gli inizi di aprile quando si ha la massima fioritura del ciliegio.

Le “verdi architetture” di Firenze

Da non perdere la sontuosa tenuta di Boboli a Firenze e il suo monumentale parco di oltre 40.000 mq. Un museo a cielo aperto che abbraccia Palazzo Pitti, e che si tinge dei colori non solo delle camelie che contraddistinguono questo giardino cinquecentesco, ma anche delle orchidee, delle rose antiche, degli agrumi, delle ninfee e tanti altri fiori e piante. Con lo stesso biglietto si può visitare anche il Giardino Bardini: questo angolo di città si trasforma infatti in un tunnel vegetale con i colori del glicine.

Oslo in fiore

La capitale si dipinge di mille colori in primavera, in particolare se si sceglie di visitare il più antico giardino botanico norvegese, il Botanisk Hage: aperto tutto l’anno e localizzato nel quartiere di Tøyen, è il polmone verde della città con una selezione incredibile di piante, alberi e arbusti.

Il Canada da un’altra prospettiva

Non può mancare una tappa ai Butchart Gardens: situati a Brentwood Bay, questi giardini sono un’eccellenza internazionale che ogni anno attirano più di un milione di visitatori. Curiosa è la sua origine: Jennie Butchart trasformò agli inizi del ‘900 una cava di calcare di proprietà del marito in uno dei giardini più belli e curati al mondo (gestito ancora dai suoi discendenti). Sebbene sia aperto tutto l’anno, nella stagione della rinascita per eccellenza sbocciano oltre 300.000 bulbi di rododendri, tulipani, magnolie, peonie e ciliegi.

In Irlanda sulla scia dei Celti

La Connemara Garden Trail nella contea di Galway è nota per la sua bellezza, varietà e unicità grazie alla perfetta combinazione di pioggia, del sole e del benefico influsso della corrente del Golfo. Tra questi, unico nel suo genere, è il giardino celtico Brigit’s Garden: un viaggio nel cuore dell’eredità e della mitologia celtica di questo Paese in 11 acri di boschi e prati di fiori selvatici; imperdibile è poi una visita al crannóg, la tipica palafitta celtica dal tetto a punta.

Il tulip-spotting nei Paesi Bassi

I popolarissimi giardini di Keukenhof sono una tappa obbligata e quest’anno sono aperti ai visitatori dal 21 marzo fino al 12 maggio. Milioni e milioni di fiori, dagli iconici tulipani (si stima vi siano almeno 800 specie) ai narcisi fino ai giacinti e alle rose, formano un mare inebriante ed evocativo, rendendolo non solo uno dei giardini più pittoreschi d’Europa, ma anche il parco botanico più grande al mondo. Tuttavia, se si preferisce ammirare la fioritura dei tulipani in località meno affollate, le Fiandre zelandesi (e in particolare nella zona vicino alla città di Hulst) consentono di abbinare il tulip-spotting con una rilassante pausa in riva al mare:.

L’itinerario dell’iris in Francia

Da Orléans a Tours, la “Strada dell’iris” è un itinerario nella Valle della Loira, che consente di abbinare perfettamente avventure su strada e garden tourism: un percorso costituito da 7 giardini e parchi e 2 vivai di iris percorribile dai 2 ai 4 giorni (il periodo migliore per ammirare la fioritura di questo fiore è in primavera inoltrata, tendenzialmente a metà maggio). A tal proposito, Parc Floral d’Apremont-sur-Allier merita una menzione speciale: un incantevole parco dallo stile inglese, ma dal design tipicamente francese. Si tratta di una gemma incastonata tra Apremont, considerato uno dei paesi medievali francesi più belli, e il fiume Allier, colorata da moltissime tipologie di fiori, tra cui i caratteristici iris, e adornata da uno splendido castello medievale, cascate e ponti.

Tags:

Potrebbe interessarti