EDITORIA - EVENTI - SERVIZI DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE
Federalberghi: per Pasqua 10,5 mln in viaggio tra mare e città d’arte

 Una Pasqua dalla dimensione prevalentemente familiare, la festa ideale per “ritrovarsi” fuori dal solito contesto e lasciare spazio al relax, a lunghe passeggiate, al ritorno al mare e alla scoperta delle bellezze delle città d’arte, senza allontanarsi troppo dalle regioni in cui si vive. E soprattutto, una vacanza da vivere principalmente in Italia. Questa la scelta dei quasi 11 milioni di italiani che si metteranno in viaggio per le festività pasquali secondo l’indagine realizzata da Tecnè per conto della Federalberghi.

 Il 92% del campione analizzato, ha manifestato la propria preferenza per destinazioni italiane, solo l’8% ha invece deciso di recarsi all’estero, preferibilmente nelle grandi capitali europee.

Gli spostamenti si compiranno soprattutto in automobile, il mezzo preferito dalla stragrande maggioranza dei viaggiatori perché considerato il più comodo per muoversi senza vincoli di orario, e forse anche il meno costoso.

“Sarà una Pasqua che consentirà a molte famiglie italiane di ritrovarsi e sarà vissuta all’insegna della sobrietà: il mare, le città d’arte, la montagna, i laghi e le terme del nostro Paese sono le località favorite. Tra gli italiani c’è ancora tanta voglia di Italia e questo trend fa bene al nostro turismo –  commenta il presidente della Federalberghi, Bernabò Bocca –. Trovandoci di fronte ad una Pasqua bassa in questo 2024 – ha proseguito Bocca – senza dubbio possiamo dire che la montagna conserva il suo appeal per gli appassionati di sci e di sport invernali. Una buona opportunità in questo inizio di primavera, prima che si aprano le porte al caldo dell’estate. Per noi le festività pasquali rappresentano una prova generale in previsione della stagione alta – conclude il presidente di Federalberghi –. Con tutte le cautele del caso, possiamo considerare questa discreta performance come un buon viatico per l’estate 2024”.

L’indagine

L’indagine è stata effettuata da Tecnè s.r.l. nel periodo compreso tra il 18 e il 21 marzo intervistando con il sistema mixed mode di cui c.a.t.i. (60%), c.a.m.i (6%) e c.a.w.i (34%) un campione di 5.022 italiani maggiorenni. Campione probabilistico, rappresentativo della popolazione maggiorenne residente in Italia, stratificato per regione e classe di ampiezza demografica dei comuni. Variabili di controllo: classe d’età, titolo di studio, occupazione. Saranno circa 10,5 milioni gli italiani in viaggio per le festività pasquali.

Mete preferite

Il 92% degli intervistati resterà in Italia, mentre l’8% sceglierà una località estera. Le mete preferite per i viaggiatori che resteranno in Italia saranno il mare (32,5%), le località d’arte (28,9%), la montagna (21,8%) e, a seguire, i laghi (3,4%) e le località termali (2,5%). Per coloro che invece si recheranno all’estero, vincono le grandi capitali europee (74,4%), seguite dal viaggio in crociera (10,2%) e dalle località marine (6,3%).

La spesa media

La vacanza avrà una durata media di 3,6 notti e la spesa media pro capite sostenuta (comprensiva di trasporto, alloggio, cibo e divertimenti), sarà pari a 371 euro.

Il giro d’affari

Il turismo si conferma un driver eccezionale per l’economia del territorio creando un giro di affari di 3,9 miliardi di euro. Questo risultato sarebbe potuto essere ancora maggiore se non fosse stato per l’aumento del costo della vita che sta caratterizzando questo periodo. Infatti, quasi la metà dei vacanzieri (44,1%) ha deciso di ridurre la spesa per questa vacanza proprio a causa di tale cambiamento. La gran parte della spesa dei viaggiatori sarà destinata ai pasti (29,9%) e all’alloggio (23,0%).  Il viaggio assorbe il 22,6% del budget, mentre allo shopping sarà destinato il 10,6%.

La prenotazione

La vacanza è stata prenotata a ridosso della data di partenza: il 73,7% lo ha fatto al massimo un mese prima.

I motivi

La motivazione principale per la vacanza pasquale sarà il riposo e il relax (57,8%), seguito dal divertimento (35,9%). Il 22,4% degli italiani approfitterà di questa occasione per raggiungere la propria famiglia. Altri motivi che orientano la scelta della vacanza sono gli interessi enogastronomici (13,3%) e per vedere un posto nuovo (12,6%).

Le attività

Durante questi giorni, le attività principali consisteranno in passeggiate (70,9%), escursioni e gite (39,6%), la partecipazione a eventi enogastronomici (31,9%) e a eventi tradizionali (27,7%).

Gli spostamenti

 Il 68,5% dei vacanzieri utilizzerà la propria macchina per recarsi presso il luogo della vacanza. Il 21,9% viaggerà in aereo e il 5,3% in treno. La comodità ha prevalso nella scelta del mezzo (63,6%).

I motivi di non vacanza

Tra gli individui intervistati che non andranno in vacanza, il 50,2% ha rivelato di non partire per motivi economici; il 18,4% per motivi familiari e un altro 13,1% perché intende organizzare un viaggio in altro periodo.

Il commento del Ministro

Quasi 11 milioni di italiani in viaggio per un giro d’affari di 4 miliardi di euro, circa 217 mila passeggeri aeroportuali e 1,5 milioni di presenze in agriturismo: i numeri ci mostrano una Pasqua positiva che, fungendo pure da momento di raccordo tra la stagione invernale e quella estiva, va a confermare il buon andamento del nostro turismo – commenta il ministro Daniela Santanchè – sui dati forniti da Enit, Federalberghi e Coldiretti -. Non solo: è molto importante che , dal mare alla montagna, dalle città d’arte ai piccoli borghi, un po’ tutti i comparti stiano registrando una performance incoraggiante e in linea con le nostre strategie volte alla destagionalizzazione. E se il turismo è tornato a crescere, lo dobbiamo anche a un governo che, credendo nel settore come mai nessun esecutivo prima d’ora, lo ha messo al centro dell’agenda politica con interventi mirati che si tradurranno anche nel primo G7 dedicato a questa industria”.

Tags: ,

Potrebbe interessarti