Club del Sole: accordo con The Equity Club. Procede il processo di crescita

Nb Aurora S.A. Sicaf-Raif, veicolo di permanent capital quotato nel segmento professionale Euronext Miv di Borsa italiana, ha sottoscritto un accordo vincolante per la cessione a The Equity Club (Tec), iniziativa di club deal promossa da Mediobanca insieme a Roberto Ferraresi e Filippo Penatti, dell’intera partecipazione detenuta in Cds Holding S.p.A. (Club del Sole), che opera nel settore camping-village con 23 strutture gestite, attraverso il veicolo controllato First Club S.r.l. e pari a circa il 40% del capitale sociale di Club del Sole. Il controvalore complessivo dell’operazione di cessione è pari a circa 109 milioni di euro, di cui circa 35 milioni di euro di competenza di Nb Aurora.

Cosa prevede l’accordo

L’accordo prevede un reinvestimento nella società da parte di Nb Aurora – insieme ad altri fondi gestiti da Neuberger Berman Aifm S.á r.l. e ad alcuni co-investitori – per un importo massimo di 65 milioni di euro (di cui almeno 45 milioni di euro di competenza di Nb Aurora), anche attraverso la sottoscrizione, insieme a Tec, di un importante aumento di capitale destinato a supportare l‘ulteriore crescita della società. La Famiglia Giondi, che ha fondato Club del Sole nel 1974, continuerà a mantenere la maggioranza del capitale e a guidare il progetto industriale.

Closing inizio maggio 2024

Tec è stato identificato come partner ideale dell’operazione attraverso un processo, condotto con l’ausilio di due financial advisor (Rothschild & Co e Credem Euromobiliare Private Banking), in grado di supportare, insieme alla Famiglia Giondi e a Nb Aurora, lo sviluppo futuro della società. Il closing dell’operazione, condizionato all’avveramento di determinate condizioni sospensive, tra cui l’ottenimento di un finanziamento bancario a supporto dell’M&A e la sottoscrizione dell’aumento di capitale da parte dei soci di Tec, è atteso per inizio maggio 2024.

Il modello Club del Sole

Club del Sole, operatore italiano nel turismo all’aria aperta, conta 23 camping-village gestiti in 7 regioni nel Nord-Centro Italia. Fondata nel 1974 dalla Famiglia Giondi, nel corso degli anni ha completato un cammino di successo sia attraverso crescita organica sia attraverso acquisizioni (Cagr +17% nel periodo 2018 – 2023).

Club del Sole porta avanti un business model integrato e un unico livello di infrastrutture e servizi, con fatturato 2023 di circa 100 milioni di euro e un Ebitda margin maggiore del 30%. In un mercato frammentato nel quale sono presenti oltre 2.400 campeggi, il gruppo si distingue per l’approccio industriale al business e per una gestione fortemente manageriale.

L’investimento di Nb Aurora

Nb Aurora ha investito in Club del Sole nel dicembre 2018 e, anche grazie al suo contributo, il gruppo ha effettuato l’acquisizione di 12 camping-village.

Club del Sole dedica ogni anno ampie risorse ai temi Esg. La società pubblica ogni anno il proprio bilancio di sostenibilità. Grande attenzione è dedicata non soltanto all’ambiente (acqua, aria, natura, consumi energetici, emissioni, gestione dei rifiuti), ma anche alla formazione e gestione del personale, alla qualità del servizio ai clienti e al rapporto con le comunità locali.

Il commento

A commentare l’operazione Lorenzo Baraldi, managing director e Alessandro Viganò, vice president di Neuberger Berman: “Siamo molto orgogliosi di aver supportato la società nel percorso di crescita che ha visto Club del Sole più che raddoppiare il numero di camping-village in gestione dal 2018, passando da 11 agli attuali 23. Negli ultimi 5 anni, l’ingresso di nuove figure manageriali, che hanno affiancato la proprietà nella gestione del gruppo, insieme agli importanti investimenti realizzati nell’infrastruttura informatica e digitale che hanno permesso al gruppo di dotarsi dei sistemi più avanzati a disposizione nel mondo dell’hotellerie, hanno consentito di consolidare la leadership italiana nel settore dell’hospitality open-air. Crediamo che lo spazio di crescita sia ancora ampio ed è per questo che Nb Aurora reinvestirà insieme a Tec, con la Famiglia Giondi che continuerà ad avere la maggioranza del capitale, sostenendone l’ulteriore fase di sviluppo futuro del gruppo”.

Il sogno di crescita

Dal canto suo Riccardo Giondi, presidente del Gruppo Club del Sole ha sottolineato: “Il nostro sogno di crescita e sviluppo continua, più forte che mai. Da quando abbiamo iniziato questa avventura, nel 1974, ci abbiamo sempre creduto fermamente, lavorando giorno dopo giorno con passione e determinazione per trasformare le nostre ambizioni in realtà. Le decisioni che prendiamo sono orientate al bene dell’azienda, fermezza e coerenza guidano il nostro percorso verso il raggiungimento degli obiettivi che ci siamo prefissati nei prossimi 3-5 anni. La maggioranza del capitale e il pieno controllo della società restano saldamente nelle mani della famiglia Giondi – sottolinea il manager -. decisa a costruire un futuro di crescita e successo per Club del Sole e per tutti coloro che fanno parte della nostra azienda. Siamo consapevoli delle sfide che potremmo incontrare lungo il cammino, ma siamo determinati a superarle con grande impegno e innovazione”.

Tags: , , ,

Potrebbe interessarti