Business Travel Trend in calo a marzo: car rental in controtendenza

Business Travel Trend in discesa. Il dato di marzo dell’indice mensile sui dati del Business Travel in Italia realizzato da Gruppo Uvet con il Centro Studi Promotor rileva – dopo il trend positivo dei viaggi d’affari evidenziato in questi mesi – 8 punti in meno in volumi (89 vs 97) e 3 punti in meno in transazioni (73 vs 76). La spesa media si attesta su valori più vicini al periodo pre pandemia (122 vs 128).

L’indice per categoria

A marzo il travel value dei voli è 79 (vs 84 di febbraio), mentre ritorna a crescere il settore del car rental a 118 (vs. 116 di febbraio). Il settore alberghiero registra un netto calo con 107 (vs 121). Anche nella parte rail si ha un calo di circa 3 punti attestandosi a 72. Per quanto riguarda le transazioni si rileva un calo a marzo con la parte voli a 68 (vs. 71), il rail a 66 (vs. 69) e il car rental a 87 (vs. 88). L’unica stabile rimane la parte hotel. Le trasferte domestiche sono a 93, nel resto d’Europa salgono a 84 e 89 l’intercontinentale.

L’indice Btt di Uvet Global Business Travel si rapporta alla corrispondente estrazione dati del 2019 considerando quest’ultima sempre a base 100. L’attribuzione 100 ai dati 2019 rappresenta un punto di partenza convenzionale, una sorta di unità di misura che Btt adotta per esprimere gli andamenti mensili attuali e per il prossimo futuro.

Il trend sul quadriennio

Il Btt degli ultimi quattro anni mostra chiaramente la dimensione dell’impatto dovuto alla crisi pandemica. Le transazioni nel 2020 e 2021 hanno generato un indice 31 e 33 mentre quelle del 2022 e 2023 segnano la ripresa dei viaggi d’affari con 62 e 73. I prezzi medi sono quindi cresciuti costantemente, toccando il loro massimo nel 2022 (ind 127). Il 2023 mostra infatti i primi timidi segnali di riduzione della spinta inflattiva e speculativa. Lo scorso anno mostra un ulteriore crescita degli indici sia in volume che in valore.

Tags: , ,

Potrebbe interessarti