Il trend del trasporto passeggeri con idrovolanti: nascono compagnie e idrobasi

Cresce in Italia l’interesse per il trasporto passeggeri con idrovolanti. Si stanno infatti moltiplicando nuove iniziative in questo settore dell’aviazione commerciale, come la progettazione di innovativi velivoli anfibi, l’allestimento di idrobasi e idrosuperfici, la creazione di compagnie aeree e la formazione di piloti e di nuove figure professionali.

L’IdroSummit di Gallipoli

Sarà questo il tema al centro dell’“IdroSummit 2024 – Seaplanes & Tech Convention”, il convegno organizzato dall’associazione Aviazione Marittima Italiana, che celebra quest’anno il suo 20° anniversario, in collaborazione con il Gruppo Caroli Hotels. L’evento, che si svolgerà sabato 11 maggio all’Ecoresort Le Sirenè di Gallipoli (Lecce), vedrà la partecipazione di piloti di idrovolanti italiani ed esteri, manager di aziende aeronautiche, professionisti e ricercatori universitari.

Il convegno sarà inaugurato dalle autorità civili e militari, tra cui: Stefano Minerva, sindaco di Gallipoli; Pierluigi Di Palma, presidente dell’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile; Gianpaolo Miniscalco, direttore generale dell’Aero Club d’Italia; col. Vito Conserva, comandante del 61° Stormo dell’Aeronautica Militare di Galatina (Lecce); Antonio Ficarella, docente presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione dell’Università del Salento e presidente della Fondazione Its Aerospazio Puglia; Alessandro Nardini, presidente del Gruppo Volo Canadair; e Nicola Lapenna, direttore commerciale di Aeroporti di Puglia.

Nuove compagnie e collegamenti avioturistici

Il programma dell’evento si aprirà con una panoramica sulla storia del volo in idrovolante in Italia e sulle attività svolte negli ultimi venti anni dall’Aviazione Marittima Italiana. Saranno poi presentate alcune novità, tra cui lo sviluppo di due nuovi idrovolanti: il “Pha-ze 100”, velivolo anfibio elettrico da 19 posti frutto della collaborazione tra la società svizzera Jekta e l’azienda italiana MBVision, e il “Seagull”, idrovolante dotato di ala retrattile in fase di sviluppo presso l’azienda napoletana Novotech.

Altre novità riguarderanno la presentazione della nuova compagnia aerea One Aviation, basata a La Spezia e che utilizzerà un idrovolante “Cessna 208 Caravan” per collegamenti nell’area del Nord-Ovest d’Italia, e il progetto dell’Aviazione Marittima Italiana per attivare collegamenti avioturistici con idrovolanti in collaborazione con la compagnia aerea norvegese Scandinavian Seaplane e con Aeroporti di Puglia.

I lavori del convegno saranno anche trasmessi in diretta streaming sul canale Youtube dell’Aviazione Marittima Italiana. Domenica 12 maggio, si svolgerà poi la prima riunione dell’Osservatorio permanente sul trasporto idro, che vedrà esperti e professionisti confrontarsi su nuove iniziative nel settore delle operazioni di volo, della progettazione di velivoli e idrobasi, dell’innovazione e della formazione.

Il volo idro è di attualità

“Nei primi decenni del secolo scorso, l’Italia fu leader assoluta a livello mondiale nella costruzione e nell’impiego di idrovolanti per il trasporto di linea in molte regioni della penisola e anche in Puglia – sottolinea Orazio Frigino, presidente dell’Aviazione Marittima Italiana -. Oggi il volo idro sta tornando ovunque di grande attualità. L’Italia in particolare, grazie ai suoi circa 8mila chilometri di coste, potrebbe avvantaggiarsi dall’utilizzo di questi velivoli per trasportare passeggeri in modo più rapido, economico e sostenibile. All’IdroSummit di Gallipoli, potranno confrontarsi molti esperti e professionisti di questo settore provenienti da Italia, Svizzera, Montenegro, Serbia e Grecia, allo scopo di avviare nuove collaborazioni che consentano il rilancio del volo idro in Italia con innegabili benefici anche per il comparto turistico nazionale”.

Tags: , , , , , , ,

Potrebbe interessarti