Il turismo organizzato sensibilizza sulle regole per viaggiare in sicurezza

Le associazioni del turismo organizzato, Fto – Aidit – Assoviaggi – Astoi – Fiavet – Maavi – prendendo spunto dalla vicenda dei viaggiatori italiani bloccati sull’isola di Socotra, in Yemen, colgono l’occasione per ricordare quanto sia cruciale seguire le indicazioni del ministero degli Esteri italiano quando si valuta una meta o si programma un viaggio in aree del mondo che possono presentare rischi, anche solo potenziali, di varia natura.

Nella nota congiunta viene ricordato che, il turismo organizzato è il primo fautore dei viaggi sostenibili sotto ogni aspetto, non solo ambientale o sociale, ma anche dal punto di vista geopolitico e della sicurezza in senso lato.

La campagna congiunta ‘Dammi il 5!’

Non a caso, nel dicembre scorso è stata lanciata la campagna congiunta ‘Dammi il 5!’ in sinergia con l’Unità di crisi della Farnesina, nella quale sono state enucleate le cinque regole chiave per viaggiare sicuri.

Le regole sono: rendere sempre disponibile il proprio numero di cellulare anche al tour operator e non solo all’agenzia di viaggi; prima di decidere di partire, informarsi il più possibile sulla eventuale destinazione attraverso il sito Vaggiaresicuri.it; registrare il proprio viaggio anche su Dovesiamonelmondo.it, in modo da dare ogni elemento utile di conoscenza all’Unità di crisi, in caso di eventi gravi e imprevedibili; scaricare l’app ‘Viaggiare sicuri’ per ricevere gli aggiornamenti in tempo reale della Farnesina sulla situazione nel Paese che si visita; infine scegliere tour operator e agenzie di viaggi intermediarie di sicuro affidamento, in regola con gli obblighi di legge e che dimostrino professionalità, competenza ed esperienza.

Cosa prevede il Codice del turismo

Nella nota viene fatto appello al senso di responsabilità, che deve essere “imprescindibile, come in tutte le altre attività. Peraltro, il Codice del turismo prevede che, in caso di scelte imprudenti o comunque non diligenti, il viaggiatore possa vedersi accollare da parte delle istituzioni le spese di soccorso e rimpatrio. Prendendo le mosse dalla vicenda occorsa, ribadiamo ancora una volta quanto sia importante conoscere e agire con avvedutezza, scegliendo di farsi guidare e accompagnare da seri professionisti del viaggio”.

Tags: , , , , ,

Potrebbe interessarti