Messico: il Tianguis 2025 in Baja California

Il Tianguis turistico nel 2025 si terrà in Baja California. Ad annunciarlo oggi a Roma Miguel Torruco, ministro del turismo del governo del Messico, che ha ricordato anche il suo amore per l’Italia, soprattutto per Venezia, dove la mamma attrice fu premiata negli anni passati.

Colloqui con Ita

“Ci siamo lasciati alle spalle il periodo buio del Covid. Aeromexico, i 3 voli settimanali da Roma a Città del Messico, li ha portati ad essere giornalieri, con un riempimento di circa il 90% e una presenza preminente di messicani. L’Italia è il 14° Paese al mondo come arrivi con un possibile aumento previsto per l’anno in corso. Stiamo parlando con Ita, affinché ripristini il suo volo prima possibile, in quanto lo riteniamo necessario per le attuali richieste di mercato. Siamo sicuri che il Tianguis nella Baja California sarà un richiamo per tutti gli addetti al turismo”, ha dichiarato il ministro.

Gli incontri con il trade italiano

Il ministro a Roma ha incontrato i tour operator interessati al Messico e gli agenti di viaggi. Sono previsti anche colloqui e contatti con la ministra del Turismo, Daniela Santanché. “Siamo convinti di poter lavorare bene insieme. Con la Santanché ci siamo già incontrati nei mesi scorsi e i nostri contatti sono stati proficui anche in vista del Giubileo 2025 e della prevista presenza a Roma di molti messicani. Il Messico, che non è solo mare – ha affermato Torruco -, vanta tre aeroporti internazionali in grado di ospitare milioni di passeggeri. Inoltre, la pandemia ha cambiato la filosofia dei turista, che oggi cerca più che mai esperienze legate alla natura senza tralasciare la gastronomia e l’arte. E il Messico – ha aggiunto – è in grado di offrire tutto questo ”.

Tra novità e investimenti

Il ministro ha anche annunciato che il “Treno Maja” – attivo già su diverse tappe in partenza da Cancun, Campeche, Palenche per un totale di 1.525 km – prevede un’altra inaugurazione che avverrà dopo le elezioni. E’ una lunga tratta che unisce i due oceani. Il ministro messicano ha anche dichiarato che “il governo ha speso 44 milioni di dollari per ammodernare le strutture turistiche e che il pesos messicano in questi anni non ha subito svalutazioni, anzi si è rafforzato”.

Annarosa Toso

Tags:

Potrebbe interessarti