La nuova era della Svizzera parte dal rebranding del logo

Operazione rebranding per il logo della Svizzera. Dopo quasi 30 anni di promozione fatta con l’effige del fiore dorato, adesso è partita una nuova era. “Il nuovo logo lo abbiamo appena lanciato”, ha raccontato Christina Glaeser, direttrice Svizzera Turismo Italia, durante il workshop che si è tenuto ieri sera a Milano, che ha visto la partecipazione di tredici realtà del travel svizzero.

La strategia one brand

“Dopo trenta anni lo abbiamo rinnovato – prosegue la manager -, con una scelta innovativa che ha portato a sostituire la lettera ‘T’ all’interno del marchio ‘Switzerland’ con una croce svizzera ad indicare il valore aggiunto che offriamo”. Invece di un semplice logo, la Svizzera ha creato una marca che racchiude un intero universo turistico che fa leva su asset quali: natura, ospitalità, affidabilità.

“L’obiettivo – prosegue Glaeser – è avere un’immagine più visibile e più facile da ricordare a livello internazionale. Per questo abbiamo optato per un’unica lingua e per una strategia di one brand, ma la nostra vicinanza ai mercati dove siamo presenti continua con campagne di marketing mirate. Inoltre, Switzerland deve accompagnare gli ospiti nel corso di tutta la loro esperienza di viaggio: dalla pubblicità ai momenti vissuti, senza dimenticare i souvenir”.

Il valore simbolico

La croce ha un valore simbolico che va oltre la semplice bandiera nazionale. E’ stata ampliata e dotata di una sfumatura cromatica di cinque diverse tonalità di rosso, quale segno di modernità, diversità e indipendenza.

La nuova marca sarà gradualmente diffusa e implementata in tutto il mondo, in tutti i mercati e nell’intero settore turistico. Il completamento del processo richiederà probabilmente diversi mesi – fa sapere l’ente in una nota. Inoltre, rappresenterà il Paese ben oltre il settore turistico, anche a livello internazionale. La nuova immagine è stata elaborata insieme all’agenzia di branding Made Identity di Zurigo.

Tags:

Potrebbe interessarti