EDITORIA - EVENTI - SERVIZI DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE
Minor Hotels: lusso e resort nei piani di crescita

Favorire un’unica identità aziendale riconoscibile per gli stakeholder e accelerare al contempo la crescita globale di Minor Hotels. Alla base di questo ragionamento risiede l’iniziativa di rebranding che sta caratterizzando il marchio NH Hotels ad opera della capogruppo. Ne abbiamo parlato in un’intervista con Isidoro Martinez de la Escalera Alvarez, chief marketing & communication officer di NH Hotels Group. “Dal 2018 – sottolinea il manager – Minor Hotels e NH hanno unificato il loro portafoglio globale di otto marchi – Anantara Hotels & Resorts, Avani Hotels & Resorts, Elewana Collection, NH Hotels & Resorts, NH Collection Hotels & Resorts, nhow Hotels & Resorts, Oaks Hotels, Resorts & Suites e Tivoli Hotels & Resorts – introducendoli in nuovi mercati in tutto il mondo”.

AH: Quale sarà l’impatto sulla struttura commerciale e operativa?

“Questa mossa strategica rafforza la struttura commerciale e operativa globale, a vantaggio degli operatori del settore, dei clienti e degli azionisti. Finora, la collaborazione tra i gruppi ha portato all’introduzione di due dei marchi dell’ex NH Hotel Group (NH e NH Collection) nei mercati di Asia, Medio Oriente e Oceano Indiano, con un’ulteriore espansione in programma, e ha rafforzato la posizione di Minor Hotels nei segmenti upscale e luxury in Europa e nelle Americhe grazie all’apertura di strutture a marchio Anantara, Avani e Tivoli”.

AH: Avete in tutto 350 hotel e 8 marchi: che ne sarà degli altri marchi di lusso?

“Minor Hotels Europe & Americas detiene 350 hotel e Minor Hotels ha un totale di 540 strutture. Il cambiamento del nome non influirà su nessuno degli otto marchi, che continueranno ad operare con i nomi commerciali di riferimento e con gli stessi obiettivi, strategie e servizi”.

AH: In cosa consiste il piano di espansione previsto dal gruppo a livello mondiale, europeo e italiano in particolare?

“Minor Hotels Europe & Americas prevede di crescere in tutti i segmenti, con particolare attenzione ai suoi marchi di alta gamma e di lusso. Delle 200 strutture che Minor Hotels intende aggiungere a livello globale entro la fine del 2026, l’azienda ne prevede più di 50 in Europa. Nell’ambito di questo obiettivo, l’Italia è un mercato strategico in cui intendiamo crescere nei segmenti del lusso e dei resort attraverso i nostri marchi Anantara e Tivoli. Anantara ha debuttato nel Paese con due rebranding, l’Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel e l’Anantara Palazzo Naiadi Rome Hotel, che sono stati accolti in modo eccezionale e rappresentano entrambi in modo eccellente il marchio. Puntiamo anche a far crescere il nostro marchio Tivoli nel segmento dei resort, e il Tivoli Portopiccolo Sistiana Wellness Resort & Spa, aperto di recente, è un buon esempio di questo impegno. Per quanto riguarda Avani, abbiamo debuttato in Italia lo scorso anno, con il rebranding dell’Avani Palazzo Moscova Milan Hotel e dell’Avani Rio Novo Venice Hotel. Continueremo inoltre a consolidare la nostra posizione di azienda di riferimento nel segmento urbano. Abbiamo quindi aggiunto altre strutture al nostro portafoglio, come NH Collection Milano Touring, NH Collection Milano CityLife e NH Milano Corso Buenos Aires. I piani futuri prevedono l’apertura di NH Collection, Tivoli e nhow in Italia nel corso di quest’anno e oltre”.

AH: Su quali cluster pensate di concentrarvi?

“Come parte di Minor Hotels, continuiamo a perseguire un ambizioso piano di espansione con tre assi principali: rafforzare la nostra presenza nel segmento del lusso, con il marchio Anantara e la vasta esperienza di Minor in questo campo; aumentare la nostra offerta nel segmento dei resort, soprattutto con il marchio Tivoli, che ha appena celebrato il suo novantesimo anniversario e ha aperto resort in Italia e Spagna. Abbiamo anche introdotto altri marchi nel segmento dei resort, come abbiamo già fatto con NH Hotels & Resorts con NH Marina Portimão Resort in Algarve e NH Boat Lagoon Phuket Resort in Thailandia; o con il marchio NH Collection nel recente NH Collection Maldives Havodda Resort. Il terzo pillar prevede infine di continuare la nostra espansione nel segmento urbano nelle grandi città in Francia (quest’anno abbiamo aperto tre hotel a Parigi) e nel Regno Unito, oltre che nelle principali città degli Stati Uniti. Inoltre, siamo concentrati sulla crescita nei Paesi nordici e per questo abbiamo appena aperto NH Collection Helsinki Grand Hansa in Finlandia”.

AH: Quali linee intendete seguire nel processo di crescita: locazione, franchising, management, proprietà?

“Il nostro è un approccio “asset right”, che prevede flessibilità nell’individuare il tipo di contratto che meglio si adatta all’opportunità e all’investitore, dal franchising, all’Hma o alla locazione, che sono le nostre formule di crescita prioritarie. Anche se l’acquisizione non è la linea di crescita principale, abbiamo forti relazioni con partner di capitale attivi per lavorare insieme”.

AH: Come vede il futuro del segmento del lusso in Europa e nel mondo?

“L’industria dei viaggi di lusso è tornata ai livelli pre-pandemici ed è attualmente fiorente, con un valore di mercato globale di 1.200 miliardi di dollari nel 2021 e un tasso di crescita annuale composto del 7,6% fino al 2030, secondo le ricerche di mercato. Noi di Minor Hotels siamo concentrati sulla crescita del lusso in Europa e nel mondo, soprattutto con il nostro marchio Anantara. Dal 2018 abbiamo fatto più progressi in questo segmento che nei quindici anni precedenti. In particolare, Anantara ha aggiunto 8 hotel al suo portafoglio europeo con aperture significative in Francia, Irlanda, Italia e Austria. Per il 2025 i piani prevedono un secondo Anantara in Portogallo. Al di fuori dell’Europa, di recente il gruppo ha annunciato aperture negli Emirati Arabi Uniti e il marchio continuerà la sua crescita strategica nel 2024 con altre importanti aperture in Indonesia e India. Dal 2025 in poi, il marchio debutterà in Brasile con due nuovi resort e un campo tendato in Zambia. Tra le altre proprietà in programma figurano diversi resort in Cina e il futuro debutto del marchio nel Regno dell’Arabia Saudita presso il Diriyah Gate di Riyadh e un resort di montagna a Trojena, Neom”.

AH: Minor Hotels fa parte di Global Hotel Alliance (GHA), la più grande alleanza mondiale di marchi alberghieri indipendenti, quali sono le sinergie?

“Facciamo parte di GHA Discovery, un programma di fidelizzazione disponibile in oltre 800 hotel e più di 40 marchi di Global Hotel Alliance. È la più grande alleanza al mondo di marchi alberghieri indipendenti”.

AH: La società madre MINT è quotata in Borsa ed è nota anche per i suoi marchi internazionali di vendita al dettaglio e lifestyle e la sua filiale, Minor Food Group, che è una delle più grandi aziende di ristorazione al mondo: ci sono sinergie con il mondo alberghiero?

“La gastronomia è una parte molto importante dell’esperienza alberghiera e tutta la conoscenza che MINT ha in questo campo è sicuramente d’aiuto. Offriamo una vasta gamma di concetti f&b, alcuni creati da noi e altri da partner esterni”.

Laura Dominici

Tags: , , ,

Potrebbe interessarti