Il trend delle mini vacanze

Un po’ la questione economica di fondo e un po’ la necessità di staccare più volte l’anno: il risultato è che l’estate si caratterizza per una predilezione per le vacanze brevi, come rivela l’indagine di PiratinViaggio secondo cui ben il 72% ha ammesso di voler dare la precedenza alle cosiddette mini-vacanze.

La media del soggiorno

Il soggiorno medio si attesta sulle 4 notti e in molti preferiscono questa modalità di viaggio, in cui ci si sposta più volte nell’arco dell’anno, ma verso mete vicine ma interessanti, che non richiedono una permanenza eccessiva. Fughe brevi alla scoperta di cittadine, borghi, spiaggia, un giro in una città d’arte o nei musei.

Standard elevati

Determinanti risultano le sempre più importanti esigenze dei turisti: non si vogliono correre dei rischi, l’ospite ha standard sempre più elevati e sotto i quali non è più disposto a scendere. Ecco perché gli imprenditori alberghieri sono chiamati, in prima persona, a riscrivere le regole di un settore che è cambiato, sta cambiando e continuerà a cambiare. “In questo contesto – spiega PiratinViaggio nella sua analisi – diventa cruciale per gli albergatori agire con flessibilità verso la tendenza a soggiorni sempre più brevi e last minute, imparando ad utilizzare una strategia tariffaria dinamica, ovvero l’unica capace di garantire la massima redditività in ogni situazione di mercato”. Per rispondere a questa esigenza, riuscire ad avere il pieno controllo di gestione e fare la differenza per le sorti della propria struttura ricettiva, che Smartpricing ha dato vita a Smartpricing Free. La piattaforma gratuita che consente agli albergatori di avere il pieno controllo della propria attività strategica e che fornisce in tempo reale una una strategia “pronta all’uso”: dal posizionamento sul mercato, anche rispetto ai competitor, all’andamento dei prezzi di vendita con prezzi dinamici suggeriti dall’algoritmo, tutto in un unico strumento.

Visione immediata

Ogni albergatore potrà vedere immediatamente i benefici: da come si posiziona la sua struttura sul mercato, visualizzando in automatico l’analisi e la creazione di strategie di prezzo, risparmiando tempo prezioso che potrà dedicare a migliorare l’efficienza operativa e il servizio al cliente. “Più la tecnologia si aggiunge in un hotel, più umana diventa l’esperienza di gestione – conclude l’analisi – in quanto si libera il personale da tutti quei compiti lunghi e ripetitivi, posizionando la struttura dove può fare la differenza”.

Tags:

Potrebbe interessarti