Islanda a vele spiegate con le nuove proposte di Kel 12 per l’estate

Per l’estate 2024, Kel 12 mette a catalogo nuove escursioni nella wilderness islandese e tour in veliero nel più grande fiordo del mondo. La programmazione 2024 include un numero maggiore di escursioni guidate negli altipiani interni e avventure in veliero nei mari ghiacciati del Nord.

Crescita del turismo italiano in Islanda

Fra maggio 2023 e aprile 2024, stando alle statistiche dell’Icelandic Tourist Board, il mercato italiano ha dato infatti ottimi segnali di continuità: sono state registrate circa 84mila 300 partenze tricolori dall’aeroporto di Keflavik, con una crescita del 16,1% sull’analogo periodo della stagione precedente, ma in aumento è anche il tasso di visita delle regioni settentrionali (31%) e nei Westfjords (13%), in particolare per i mesi di giugno, luglio e agosto. Dopo il successo della scorsa stagione, nella quale è stato proposto un tour in navigazione per l’unica isola islandese che sfiora propriamente il Circolo Polare Artico, Grimsey, la domanda estiva premia il nuovo tour di Kel 12 “Groenlandia – Islanda, in veliero nel più grande fiordo del mondo”: una vera e propria spedizione artica di 10 giorni a Scoresby Sund, dal 30 luglio all’8 agosto.

Turismo sostenibile e personalizzato

“Il cliente che sceglie l’Islanda – spiega Filippo Salvioni, product manager Nord di Kel 12 – predilige ormai gruppi piccoli, proprio come i nostri. Il numero ridotto contribuisce non solo a creare una forte intesa fra i partecipanti, ma permette di gestire più agevolmente itinerari complessi o in territori estremi, di cui sia l’Islanda che la Groenlandia sono simboli per eccellenza. Ciò che aiuta a distinguersi è soprattutto il modo in cui si fruisce di queste destinazioni: minimo impatto ambientale, esperienze inedite anche in luoghi iconici, personalizzazione”.

La programmazione firmata Kel12

I tour ideati da Kel 12 – come ‘Islanda Terra di ghiaccio e fuoco‘ che percorre la Ring Road facendo tappa alle cascate gemelle di Hraunfossar, le cascate di lava e Barnafoss, le cascate dei bambini – coprono oggi ogni area dell’Islanda, offrendo il meglio del Paese nordico non solo a livello paesaggistico, ma anche e soprattutto in termini di servizi. Visit Iceland registra la crescita di soluzioni superior originali nelle località più remote, grazie anche alla spinta demografica generata dall’alta domanda di lavoro (con sei anni d’anticipo sulle previsioni, l’Islanda è destinata a oltrepassare i 400mila abitanti nel 2024).

Tags: ,

Potrebbe interessarti