Viva Resorts By Wyndham: presenze in crescita e nuovo resort in portfolio

Un 2024 che è partito “molto bene nonostante le previsioni incerte legate al mercato sudamericano, invece i primi sei mesi a livello globale hanno registrato un +3% di presenze e in proiezione sull’intero 2024 stimiamo un incremento intorno al 6%”. A parlare di trend è Giuliana Carniel, vice president sales and revenue manager di Viva Resorts By Wyndham.

Un trend positivo che riguarda un po’ tutte le aree in cui la catena è presente. L’occupazione media nella maggior parte dei resort si attesta al 94%. Le strutture più performanti in tal senso sono il Viva Dominicus Beach by Wyndham e Viva Dominicus Palace by Wyndham, nella Repubblica Dominicana, a Bayahibe; il Viva V Samaná by Wyndham, l’unico adults only del brand, situato a Samaná, “che ha messo a segno un record sul fonte della occupazione nel 2024 – commenta la manager – superiore al 92%”, Viva Maya by Wyndham e Viva Azteca by Wyndham, entrambi in Messico, nella Riviera Maya.

Presenze italiane a +13%

Il 2024 si conferma un buon anno per il nostro mercato. Nel primo semestre le presenze crescono del 13%, con una proiezione sull’intero anno che supera del 18% il 2023. “E’ stato un avvio eccezionale – osserva la manager -, nella Repubblica Dominicana siamo riusciti a ottimizzare l’occupazione, con un incremento grazie ai gruppi. A maggio c’è stato un record storico in tal senso. Il Messico, che tardava un po’ per il brutto ricordo legato alle alghe, ha avuto un aumento considerevole”. L’apprezzamento dei nostri connazionali per il Messico non è solo legato all’offerta mare, ma anche alla cultura e all’archeologia del Paese. Inoltre, “sono tornati i tour e le escursioni abbinate“.

“L’Italia è il terzo mercato più importante per noi in assoluto, dopo Canada e Germania, con un tasso di repeater che supera il 20%”. Risultati che sono raggiunti con una clientela italiana che si concentra in sei delle otto strutture in portfolio, non essendo presente nei due resort affacciati sulla costa settentrionale della Repubblica Dominicana, il Viva Tangerine by Wyndham e il Viva Heavens by Wyndham.

Confermato il charter Neos per Freeport

C’è da considerare che la presenza italiana a Grand Bahama Island è stagionale, cioè si concentra in estate, in concomitanza con le rotazioni operate da Alpitour World con Neos, che collega Malpensa a Freeport e quindi al Bravo Viva Fortuna Beach. A tal proposito la manager si sofferma sul trend positivo messo a segno al Bravo Viva Fortuna Beach con un andamento delle prenotazioni che ha registrato un incremento del 64% rispetto allo stesso periodo 2023.

A seguito dei risultati raggiunti lo scorso anno, è stata rinnovata anche per quest’anno la partnership con Bravo, Neos, oltre al ministero del Turismo e dell’Aviazione delle Bahamas. E’ stato poi anticipato di alcune settimane – rispetto al 2023 – il collegamento Neos ogni giovedì, “determinando un allungamento della stagione che proseguirà fino al 5 settembre (dal 6 giugno ndr)”.

Più target di clientela

L’approccio multi target della catena si conferma vincente, a fronte del fatto che durante l’anno si concentrano diversi tipi di clientela.  Tra cui i giovani, un target importante, che trova risposta anche nella formula “Viva Vibe”, il programma di party tematici che ha contribuito a ridefinire l’esperienza dell’intrattenimento in formato all inclusive e che si rivolge ai differenti target della catena.

“Il target silver è attivo in determinati periodi dell’anno, novembre e dicembre, maggio e giugno. Le famiglie – prosegue la manager -, fanno le vacanze a Natale, a Pasqua, a carnevale o in estate”. Una distribuzione che in questo modo permette di coprire tutte le età “e in modo omogeneo tutto l’anno. Uno dei privilegi legati al mercato italiano è avere target differenti che permettono di ottimizzare l’occupazione”.

Il nuovo resort nella Repubblica Dominicana

La catena alberghiera caraibica possiede, gestisce e commercializza resort in formula all inclusive, con un portfolio di 8 strutture, di cui due nella Riviera Maya, una alle Bahamas e cinque nella Repubblica Dominicana, per un totale di 3.163 camere, prenotabili 12 mesi l’anno. Negli Stati Uniti ha un accordo con Wyndham.

Un portfolio che presto crescerà a seguito dell’ingresso di una nuova struttura, il sesto albergo nella Repubblica Dominicana, in una nuova località, Miches. Notizia che era circolata a ottobre del 2023 e di cui ora emergono ulteriori dettagli. “E’ una destinazione ancora vergine – fa presente la manager -, tra spiagge incontaminate e un paesino di pescatori” sulla costa Nordorientale della Repubblica Dominicana. L’inaugurazione del Viva Miches by Wyndham, un 4 stelle superior, sarà l’11 dicembre 2024.

Per la prima fase del progetto sono stati investiti 80 milioni di dollari. Una seconda fase porterà l’investimento complessivo a 130 milioni di dollari, realizzando una capacità complessiva di 750 sistemazioni.

Accordo di esclusiva con Alpitour

Il resort sarà eco sostenibile e a dicembre avrà 538 unità. La commercializzazione in esclusiva per il mercato italiano di Viva Miches by Wyndham è affidata ad Alpitour World, con il brand Bravo. La catena ha, infatti, firmato “un accordo di esclusiva con Alpitour per il nostro nuovo progetto; un rapporto già consolidato che si va ad estendere al nostro nuovo hotel. Sono previsti pacchetti con voli su Punta Cana e soggiorni”.

Stefania Vicini

Tags: , , ,

Potrebbe interessarti