La meta che non delude

“Gennaio, febbraio e marzo sono stati ottimi con fatturati decisamente superiori allo scorso anno. Aprile, invece, più lento, con circa il 20% in meno del fatturato rispetto allo stesso mese del 2023. Maggio con almeno un 30% in meno, quasi tutto concentrato nel ponte. Grazie agli eccellenti risultati dei mesi di inizio anno, il totale del fatturato ad oggi tiene”. Così Giuseppe Ciminnisi, presidente Fiavet-Confcommercio, descrive l’andamento attuale delle vendite nel Mediterraneo.   

 

Best seller 

Ma quali sono le mete più gettonate per l’estate? “Funzionano sempre le crociere nel Mediterraneo – afferma il presidente -. Anche per questa estate si confermano in tendenza positiva Grecia e Spagna, con qualche eccezione per le destinazioni più costose in questi Paesi. Si rinnova l’interesse per l’Albania. Il Mare Italia, forse per una questione di costi, è allo stesso livello del 2023 – segnala Ciminnnisi  -, ma è comunque sempre il primo prodotto venduto. Primeggiano la Sicilia, la Sardegna, e la Calabria. Mantiene i suoi standard elevati la Puglia. Il Mare Italia è prevalentemente venduto in pacchetti di coppia per soggiorni di una settimana”. 

 

Chi rallenta 

Ci sono anche destinazioni che mostrano un andamento più lento all’anno passato. “L’Egitto, che è in flessione nel Mediterraneo, va benissimo nel Mar Rosso. Battuta d’arresto per Baleari e le Canarie, ormai troppo costose. Stenta anche la Tunisia” 

 

La sorpresa 

Qual è la destinazione exploit, chiediamo? “L’Abruzzo per il Mare Italia – risponde il presidente -. Alcuni posti meno noti di Grecia e Albania”. 

Nicoletta Somma

Tags: ,

Potrebbe interessarti