EDITORIA - EVENTI - SERVIZI DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE
Quale tipo di escursionista sei?

Le strutture dei Vitalpina Hotels Südtirol/Alto Adige sono pronte per un autunno all’insegna dei colori e sapori di stagione, da apprezzare naturalmente camminando con guide esperte alla scoperta della montagna altoatesina.

Una vacanza nelle strutture del gruppo è l’occasione per conoscere i nuovi prodotti alimentari, genuini e bio, firmati Vitalpina. Preziose durante l’escursione, da mettere nello zaino insieme a tutto l’occorrente, le barrette alla frutta e ai cereali, disponibili in tre varietà: mela-farro, albicocca-avena-mela e mirtillo rosso-grano saraceno-mela. E poi ancora la raffinata miscela bio per pane fatta con farina di farro e segale dell’Alto Adige e lo sciroppo con il miglior ribes nero della Val Martello, ideale come aperitivo, bevanda dissetante o accompagnamento ai dolci.

Otto tipi di escursionista

Da esperti escursionisti, i Vitalpina Hotels negli anni hanno accompagnato tanti ospiti alla scoperta delle montagne altoatesine, fin su in vetta o in riva al lago, al rifugio per una sosta golosa o semplicemente dentro un fitto bosco. Sempre con un’attenzione particolare per il percorso, scegliendo il sentiero più sicuro ma anche più panoramiconon il più facile ma quello più suggestivo.

I Vitalpina Hotels conoscono così bene gli escursionisti, da aver individuato – scherzosamente – ben 8 tipologie di camminatori… tu in quale ti ritrovi?

Scalatore 

Lo scalatore ha un chiodo fisso in testa: arrivare in vetta. Fin dalla partenza è concentrato sul suo obiettivo da raggiungere nel più breve tempo possibile e a ogni costo. E infatti solitamente cammina in solitaria, perché il resto del gruppo non riesce a tenere il suo ritmo.

Raccoglitore

Il raccoglitore, lo dice il nome stesso, raccoglie tutto quello che trova interessante durante il cammino. Un sasso dalla particolare forma o colore, un fiore, una bacca, una pigna. E in autunno naturalmente i funghi diventano il primo e solo obiettivo del suo camminare.

Alternativo

L’alternativo è il camminatore che ama cambiare strada, non riesce a stare nella via che fanno tutti. Al motto “prendiamo questa scorciatoia”, si lancia su un sentiero poco battuto e ripidissimo che solitamente richiede più tempo del percorso normale.

Buongustaio

Il buongustaio parte fin dal mattino sognando il pranzo in rifugio. Cammina e già si immagina seduto a tavola, riscaldato dai raggi del sole a godersi la vista sulle montagne circostanti, mentre degusta il tipico tagliere di salumi e formaggi.

Esperto

L’esperto è informato su tutto, conosce i nomi delle cime e dei gruppi montuosi, distingue le diverse specie di piante, riconosce i versi degli animali selvatici e, dai diversi tipi di nuvole, è in grado di prevedere il meteo delle prossime ore.

Apripista

L’apripista sta sempre un metro davanti agli altri. Non riesce ad adeguare il suo passo al resto del gruppo, deve sempre andare in avanscoperta per poi fermarsi e attendere che gli altri lo raggiungano, per poter così aggiornarli sulle sue esperienze.

Alla moda

L’escursionista alla moda è sempre molto attento all’outfit. L’abbigliamento griffato e assolutamente coordinato è un must, come anche l’attrezzatura sportiva tecnologica e avanzata, spesso anche un po’ esagerata rispetto alle effettive esigenze.

Da spiaggia

All’opposto c’è l’escursionista da spiaggia, quello che si presenta in sandali – sono così comodi – e con la sola t-shirt che indossa, al massimo un marsupio per il cellulare. Ama camminare leggero e considera lo zaino e tutto il suo contenuto un peso inutile.

Qualunque sia l’identikit, camminare nella natura è un toccasana per corpo e spirito, un modo per tenersi in forma e allo stesso tempo aumentare il buonumore.

Tags:

Potrebbe interessarti

Nessun articolo collegato