Bit 2024, è iniziato il countdown

Mancano ormai pochi giorni al fischio d’inizio di Bit con un’edizione che si preannuncia ricca di novità. “Tra le più importanti, sicuramente una crescita rilevante delle destinazioni internazionali presenti. -commenta Simona Greco, direttore manifestazioni Fiera Milano– Abbiamo lavorato con impegno con tutti quei Paesi che in passato avevano deciso di partecipare in quanto il mercato italiano non rappresentava un bacino sufficientemente significativo. Invece è proprio questa la chiave di volta, investire in nuovi mercati per farsi conoscere e Bit rappresenterà quindi un’ottima occasione”. 26 le new entry (o attesi ritorni) in fiera e tra queste spiccano: Aruba, Bahamas, Equador, Gambia, Indonesia, Iran, Irlanda, Costa d’Avorio, Giappone, Mongolia, Nepal, Arabia Saudita, Seychelles, Maldive, Siria, Zimbabwe.

“Siamo molto orgogliosi anche della partnership, per i prossimi tre anni, con Welcome Travel. -prosegue Greco- Bit ha sempre sostenuto il turismo organizzato sia per quanto riguarda l’incoming che l’outgoing e nel 2023 l’intermediazione è cresciuta a doppia cifra. Un risultato ottenuto grazie a molteplici fattori come la capacità delle adv di rinnovarsi, il cambio delle abitudini di viaggio, il ritorno del tailor made e una crescente esigenza  tutele, sicurezza e flessibilità”.

Spazio anche alla formazione e all’informazione con il fitto calendario di panel nell’arco della tre giorni, tra i “temi caldi”: prezzo dinamico, aviation, overtourism, sostenibilità e profilazione dei viaggiatori. “Questi e non solo, Bit sarà un’occasione per rendere una fotografia aggiornata sullo stato di salute del settore che, nel 2023, ha registrato un incremento della qualità dell’offerta. -osserva Magda Antonioli, vice presidente dell’European Travel Commission e docente all’Università Bocconi- Un andamento positivo che si riflette su tutta la filiera anche in numeri, presenze e riposizionamento delle strutture ricettive. E poi ancora si parlerà di marketing psicografico, lusso democratico, attenzione all’ambiente e attenzione alla cultura e alle esperienze ma sempre più in chiave creativa”.

Tags: , , ,

Potrebbe interessarti