MyBank: a maggio+87% nei valori delle transazioni del travel

MyBank conferma i segnali di ripresa provenienti dalle aziende operanti nel settore turistico. Dopo il crollo registrato nel 2020 e il parziale recupero del 2021, inizia ad intravedersi la luce: per il settore turistico, l’estate 2022 potrebbe rappresentare il palcoscenico della ripartenza.

Il fermento nel travel

A confermare ulteriormente le ragioni dell’ottimismo del comparto travel sono i dati provenienti da MyBank, strumento di pagamento e di incasso utilizzato da un numero crescente di player del settore. Nel solo mese di maggio, i valori delle transazioni effettuate tramite MyBank verso aziende operanti in ambito turistico hanno registrato un incremento dell’87% rispetto allo stesso periodo del 2019. Parallelamente, il numero di transazioni è aumentato del 27% rispetto al maggio 2019.

Già nei mesi scorsi si iniziava ad osservare un grande fermento tra le aziende del mondo travel che già offrono ai propri clienti b2b o b2c lo strumento di pagamento MyBank.

Tra queste, dopo un febbraio chiuso con un fatturato del +38% rispetto allo stesso mese del 2019, Volonclick, appartenente al tour operator Volonline, nel mese di marzo ha visto il proprio fatturato aumentare del 55% rispetto a tre anni fa. “Negli ultimi mesi la domanda di servizi in Volonclick è profondamente cambiata. In primo luogo, stiamo registrando prenotazioni molto sotto data. In secondo luogo, volo + hotel e multi-tappa rappresentano oggi l’80% dei servizi venduti. Volonclick è pertanto sempre più un Oto (Online Tour Operator). Ciò ha rappresentato un aumento del valore medio pratica. MyBank in questo contesto ha risposto a due bisogni, facilitando per il tour operator una gestione di bonifici immediati sotto data e da parte delle agenzie il poter gestire pratiche che superavano il plafond medio delle carte di credito”, ha dichiarato Luca Adami, cmo e cto di Volonline.

WeRoad, la community di giovani traveller che punta ai viaggi di gruppo on the road in oltre 90 destinazioni nel mondo, particolarmente resiliente in tempo di Covid, con un fatturato di 9 milioni di euro nel 2020 e 10 milioni di euro nel 2021, punta quest’anno a più che raddoppiarlo, con una previsione pari a 25 milioni di euro.

La ripartenza è nell’aria, tanto che il Gruppo Gattinoni ha voluto chiamare proprio Restart l’evento tenutosi a fine maggio nel suo hub milanese, che ha visto riuniti team, partner e stampa. Pochi giorni fa poi, un importante annuncio: quello dell’accordo relativo all’acquisto del 100% di Robintur Travel Group da Coop Alleanza 3.0. “La digitalizzazione e i sistemi di pagamento online sono stati un importante punto di questa ripartenza, che è passata da un cambiamento del cliente e dei suoi comportamenti d’acquisto. La partnership con MyBank è stata sicuramente vincente per la nostra realtà, permettendoci di avere un sistema di pagamento online, senza limiti legati al plafond, con elevati standard di sicurezza, semplice e immediato”, commenta il direttore generale, Sergio Testi.

Uno strumento di pagamento e di incasso inclusivo

“Ci fa piacere osservare che un senso di fiducia riesce finalmente a farsi strada tra i numerosi operatori del settore travel. Il comparto ha alle spalle due anni particolarmente duri: il precipitoso calo causato dalla pandemia ha visto venire a mancare 120 milioni di posti di lavoro in tutto il mondo, mentre in Italia la sola crisi del turismo ha contribuito alla perdita totale del Pil per un buon 37% – ha commentato Giorgio Ferrero, executive director di Preta, la società che detiene e gestisce la soluzione di pagamento MyBank -. Come MyBank siamo lieti di offrire il nostro supporto per la ripartenza attraverso uno strumento di pagamento e di incasso inclusivo, che combina l’ottimizzazione dell’esperienza del cliente con quella dei processi aziendali, aumentando efficienza e livello di competitività dei player del settore turistico”.

Tags: , , ,

Potrebbe interessarti