Bit e la scelta della ripartenza

“Abbiamo ascoltato il mercato nazionale e internazionale che nei mesi scorsi chiedeva un’opportunità di promozione sul viaggiatore b2c e un collegamento b2b per stringere relazioni in vista dei prossimi anni. La nostra è stata una scelta di ripartenza per un settore che lo scorso anno ha perso 28 miliardi di euro”. Così premette Simona Greco, direttore manifestazioni Fiera Milano, illustrando le caratteristiche di Bit Digital Edition in programma da domenica 9 maggio.

Il fil rouge è quello di portare avanti azioni in coerenza con il progetto industriale di Fiera Milano, che vede nella trasformazione digitale il proprio piano di sviluppo da qui al 2025. “La piattaforma – prosegue la manager – è un momento utile per tutto il mercato turistico. Le parole chiave per il 2021 saranno viaggi all’insegna del benessere, viaggi all’aria aperta. Natura, sport, enogastronomia altri temi di tendenza”. Il focus è sull’importanza della promozione turistica 4.0 e l’uso dei big data, così come dei social media di nuova generazione per intercettare segmenti specifici di viaggiatori. Citata anche la sostenibilità come grande trend del momento e trasversale a tutti i comparti. Saranno 1500 gli espositori che incontrano più di 500 buyer con 7mila appuntamenti già schedulati.

L’edizione 2021 di Bit sarà anche una finestra che si apre per guardare con una visione nuova al cambio epocale che stiamo vivendo. Tra le iniziative, illustrate da Carlo Antonelli, amministratore delegato Fiera Milano Media, i Bit Special Talks, una speciale sezione del palinsesto Bit Talks, che provano a gettare un ponte verso un presente più esteso. A partire dalla scoperta di quello che sta molto vicino alla nostra vita abituale – i quartieri mai visitati della nostra città, i dintorni, gli spazi e le acque delle proprie province o regioni – fino alle possibilità di mobilità suborbitale e spaziale dal prossimo anno e per i successivi decenni, già ampiamente avviate.

Nel fittissimo palinsesto di Bit Talks (sono più di 90 i workshop online previsti, dei quali 13 disponibili anche in inglese) le conversazioni visionarie di Bit Special Talks si rivolgeranno alle innovazioni del lavoro e del tempo libero e alla loro ibridazione, così come quelle delle città e degli spazi naturali del domani e del dopodomani e a quelle della salute diventata continua. Al centro, un costante utilizzo granulare dei dati per trasformare le macrotendenze in concrete opportunità di rilancio e di crescita per il settore. Il tutto supportato da una ricchezza di dati e studi mai così ampia in Bit e provenienti dalle fonti più autorevoli. Per la prima volta sarà partner di Bit Oxford Economics, che presenterà  l’European Tourism Forecast, mentre ritorna in Bit Digital Edition la presentazione del XXIV Rapporto sul Turismo Italiano con le analisi di Cnr-Iriss e Turistica. Presenteranno dati che interpretano le trasformazioni del turismo anche autorevoli analisti come Bva Doxa, Censis, il Ciset dell’Università Ca’ Foscari, Euromonitor; Unwto e Milano & Partners con uno sguardo sul futuro del turismo.

E se, per comprendere la complessità dei cambiamenti in corso, anche nella realtà concreta dei settori economici occorre oggi più che mai l’orizzonte più ampio della filosofia, Bit Special Talks ospiterà le riflessioni di nomi di riferimento del pensiero contemporaneo quali i filosofi Federico Campagna e Salvatore Veca, che converserà con Franco Iseppi in un evento in collaborazione con Touring Club Italiano, o l’esperto di economia della cultura Guido Guerzoni. Le felici contaminazioni con il mondo dell’arte saranno esplorate da Andrea Lissoni, Direttore della Haus der Kunst (HdK) di Monaco di Baviera, dal critico e curatore Francesco Bonami, e da Umberto Angelini de La Triennale di Milano con l’artista Nico Vascellari e da un intervento della Fondazione Prada.

Un nuovo modo di viaggiare significa anche ripensare gli spazi e i flussi nelle direzioni micro e macro. Di spazi dove nessuno è mai arrivato prima parleranno architetti internazionali quali, Carlo Ratti, Italo Rota, Rachaporn Choochuey, Stefano Boeri o Patricia Urquiola, mentre le finestre di opportunità che si aprono nell’iper-vicino verranno approfondite in termini di turismo numerico ed esperienze virtuali, ma anche di super prossimità nelle nostre città. Le prospettive imminenti del turismo spaziale saranno invece approfondite con Roberto Battiston, past-president dell’Asi (Agenzia Spaziale Italiana).

Bit Special Talks, il nuovo nome dello spazio di discussione affidato alla direzione editoriale di Carlo Antonelli, vuole sottolineare la necessità e il desiderio di offrire strumenti alla filiera del turismo per affrontare il cambio d’epoca che stiamo vivendo; strumenti che richiedono un confronto tra discipline tra loro differenti, in modo da ricavare lo scenario più completo che possa rappresentare una preziosa “cassetta degli attrezzi” per supportare gli operatori nelle loro decisioni e previsioni negli anni a venire.

 

Tags: , ,

Potrebbe interessarti